Gara autobus Gtt, nuova fumata nera. Dopo il bando andato deserto in primavera, anche la procedura negoziata si è risolta in un nulla di fatto. Lo comunicato la stessa Gtt con un comunicato stampa diffuso nella giornata di ieri 5 novembre. Il motivo? «E’ stata consegnata da un concorrente la documentazione tecnica completa. Non è stata invece consegnata la documentazione amministrativa. La procedura negoziata non ha quindi potuto assegnare la commessa» si legge nell’informativa Gtt.

autobus gtt

Gtt in cerca di soluzioni

Il termine per la presentazione delle offerte per la gara di Gtt relativa all’acquisto di 178 autobus urbani è scaduto ieri. Col risultato sopra menzionato. «A questo punto l’azienda – prosegue il comunicato Gtt -, attraverso i propri uffici legali e in accordo con la Città, sta lavorando per capire le motivazioni che hanno portato un concorrente a redarre un progetto tecnico congruente con le necessità di Gtt ma a non completare l’offerta. Questo allo scopo di individuare le soluzioni legittimamente percorribili che possano garantire l’arrivo di nuovi bus nel più breve tempo possibile, in accordo con gli obiettivi del piano industriale e soprattutto con le necessità di miglioramento del servizio».

Una gara tormentata

L’acquisto di 178 nuovi autobus urbani figura tra i pilastri del piano di rilancio di Gtt, deliberato a inizio anno. Un acquisto che consentirebbe di ridurre in modo considerevole l’età media del parco circolante e di ridurre i costi di manutenzione con un generale miglioramento dell’impatto ambientale e del servizio alla clientela. Peccato che il primo bando, da 114 nuovi autobus con opzione per ulteriori 64, scaduto il 19 aprile, non ha richiamato neanche una busta. L’azienda di trasporti torinese si è quindi affidata a una trattativa negoziata per la fornitura di autobus urbani destinati al trasporto pubblico locale. Una procedura conclusasi anch’essa con una fumata nera. L’acquisto dei nuovi autobus è legato al cofinziamento della regione per il 50 per cento della somma complessiva. Per tutti i nuovi autobus, inoltre, è previsto il servizio di manutenzione in regime di full service per un periodo di 10 anni; complessivamente una spesa di circa 80 milioni.

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati