E’ stata firmata la convenzione tra le agenzia per la mobilità di Modena e Reggio Emilia, che “uniscono le forze per migliorare la qualità del trasporto pubblico ottimizzando le risorse, attraverso la condivisione di esperienze, competenze, tecnologie e la semplificazione dei processi integrati”. E’ questo, fa sapere l’aMo in una nota, l’obiettivo della Convenzione che regola la cooperazione tra aMo e Agenzia per la Mobilità di Reggio Emilia per la gestione associata di funzioni.

Convenzione siglata il 31 luglio

La Convenzione tra le agenzia per la mobilità di Modena e Reggio Emilia, approvata nelle scorse settimane dagli Enti Soci delle rispettive Agenzie, è stata siglata il 31 luglio dall’Amministratore Unico dell’Agenzia per la mobilità di Reggio Emilia Michele Vernaci e dall’Amministratore Unico di aMo Andrea Burzacchini. Si tratta di uno strumento contrattuale previsto dal Patto per il Trasporto pubblico locale della Regione Emilia Romagna 2018/2010, in linea con la legislazione regionale vigente.

Una collaborazione di lungo periodo

La collaborazione tra le due agenzie era stata avviata da alcuni anni su aspetti specifici, come la manutenzione delle fermate dei bus. Con la Convenzione si estende, consolida e amplia l’ambito di cooperazione tra le Società e si creano sinergie che punteranno a rafforzare reciprocamente attività nevralgiche delle strutture, come la programmazione operativa dei servizi, che procederà in maniera integrata.

Unica gara tpl per Modena e Reggio

Verranno, quindi, massimizzate l’efficienza e l’economicità dei rispettivi ambiti di azione, valorizzando le eccellenze di ognuno.
La Convenzione, precisa la nota, consentirà inoltre di lavorare da subito sull’Ambito ottimale “Secchia Panaro” definito dalla Regione, predisponendo quindi un’unica Gara per l’affidamento dei servizi di trasporto pubblico nei bacini di Modena e Reggio Emilia.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl