Messa nel dimenticatoio l’idea della fusione con Renault, Fca riparte con l’altro gruppo francese, quel Psa che dal 2017 ha in pancia anche i marchi Opel e Vauxhall, ex General motors. E lo fa annunciando una fusione alla pari con la creazione di una holding olandese. «Le discussioni in corso aprono la strada alla creazione di un nuovo gruppo di dimensioni e risorse globali, detenuto al 50 per cento dagli azionisti del Gruppo Psa e al 50 per cento dagli azionisti di Fca», si legge nel comunicato congiunto dei due attori. Il che porterà alla creazione del quarto gruppo al mondo con vendite annuali di 8,7 milioni di veicoli, davanti a General motors (8,4 milioni) ma dietro a Volkswagen e all’alleanza Renault- Nissan-Mitsubishi che viaggiano di conserva sui 10,8 milioni di vetture, nonché a Toyota (10,6 milioni).

Fca-Psa

Fca-Psa, accordo per la fusione alla pari

Gruppo, quello formato da Fca-Psa, che potrà vantare una forte presenza su tre dei quattro mercati mondiali, ovvero Europa, Nord e Sud America, mentre resterebbe di minore importanza quella in Asia. Con la fusione, infatti, per il Gruppo Psa si aprirebbero le porte del mercato americano, mentre Fca, oltre a guadagnare posizioni in Asia, metterebbe un deciso piede nell’elettrico, settore dove Psa ha progetti più avanzati. Seguono scambi di cortesia tra Ceo. «Questa convergenza crea un significativo valore per tutti gli stakeholder e apre a un futuro brillante per la società risultante dalla fusione», ha dichiarato Carlo Tavares, che oltra a guidare Psa dovrebbe essere il faro anche della nuova creatura. «Sono contento di avere l’opportunità di lavorare con Carlos e il suo team su questa aggregazione che ha il potenziale di cambiare il settore. Abbiamo una lunga storia di cooperazione di successo col Gruppo Psa e sono convinto che, insieme a tutte le nostre persone, potremo creare una società leader nella mobilità a livello globale», gli fa eco Mike Namley di Fca.

Mentre sembrano molto meno cortesi le prime reazioni del Governo Macron, che detiene il 12 per cento del capitale (la stessa quota detenuta dai cinesi di Dongfeng) e sembra voglia mettere il naso nella faccenda e dei sindacati che in Italia esprimono preoccupazioni per l’occupazione, mentre in Francia sembrano più possibilisti in attesa dei dettagli industriali della fusione.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Busworld Turchia: tutto esaurito per la decima edizione

Sold out. Il Busworld Turchia, in programma all’Istanbul Expo Center dal 29 al 31 maggio, è tutto esaurito. La decima edizione della kermesse – traguardo importante – accoglierà ben 157 espositori e vorrà superare i già ottimi numeri dell’edizione 2022: 11mila visitatori prov...

Un parco tematico per i bus: la novità di IAA Transportation

Per la prima volta nella storia di IAA Transportation – in programma ad Hannover dal 17 al 22 settembre 2024 – ci sarà un parco tematico esterno dedicato al mondo dei bus&coach. Negli ultimi anni la vocazione dell’appuntamento in terra di Germania è sempre più andata verso il mondo del trasporto...

Automobile Club Milano, il 7 febbraio il convegno sulle gare tpl

Il trasporto pubblico locale sotto la lente di ingrandimento dell’Automobile Club Italia, o meglio della sezione di Milano, che ha deciso di dedicare un appuntamento con focus sulle gare per il tpl. Il convegno avrà luogo all’ombra della Madonnina, presso la sala convegni di Corso Venezia 43, a part...