Il primo autobus Toyota a idrogeno è giunto a destinazione. La casa nipponica ha consegnato il suo Fc Bus settimana scorsa al Bureau of Transportation dell’amministrazione di Tokyo. Entro pochi giorni, da marzo, sarà operativo su una linea cittadina, presto seguito da un altro esemplare prossimo alla consegna. L’intenzione, annunciata nell’autunno scorso, è quella di equipaggiare la capitale con ben cento unità di Fc Bus entro la data d’inizio delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Un progetto a dir poco ambizioso che fa della sostenibilità la sua parola d’ordine.

Toyota debutta nel mondo dei bus a idrogeno

L’Fc Bus rappresenta il debutto di Toyota nel mondo degli autobus a idrogeno. Il sistema a celle combustibili Toyota fuel cell system (Tfcs) è già pronto. L’azienda lo ha messo a punto per l’automobile Mirai, la prima berlina a idrogeno prodotta di serie. La tecnologia coniuga la tecnologia full hybrid con quella delle celle a combustibile, composto da pacchi di celle Toyota, serbatoi di idrogeno ad alta pressione. Il bus ottempera ai requisiti del ‘Non-step standard’, una normativa che prevede alta accessibilità del mezzo ad anziani e bambini. Lungo 10,525 metri, il bus è dotato di un sistema di approvvigionamento esterno ad elevata capacità (potenza 9 kW, capacità di rifornimento 235 kWh). Può trasportare fino a 77 passeggeri. La potenza massima sviluppata dal motore è di 113 kW per due unità. L’FC bus, sottolineano dall’azienda, può essere sfruttato per evacuare scuole e palazzi oppure come alimentatore per fornire elettricità per l’uso domestico.

Un ventaglio di progetti attorno all’Fc Bus

In Giappone i veicoli a idrogeno godono di un forte appoggio dal governo centrale. Come spiegano dall’azienda, la fase di sviluppo e i test dimostrativi dell’FC Bus di Toyota sono stati condotti nell’ottica del progetto ‘Next-Generation Energy and Social Systems Demonstration’ definito dal Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria giapponese (METI) e del programma ‘Low Carbon Technology Research and Development’ sviluppato dal Ministero dell’Ambiente. Infine, è stato introdotto in base al ‘Programma per la promozione di trasporti pubblici a basse emissioni carboniche’ stilato dal Ministero delle Infrastrutture, del Territorio, dei Trasporti e del Turismo (MLIT).

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati

Nel 2023 arriva l’articolato elettrico CaetanoBus

CaetanoBus lancerà un modello articolato da 18 metri a zero emissioni nel 2023, ha detto il CEO Patrícia Vasconcelos alla Zero Emission Bus Conference in corso oggi e domani a Parigi. Il veicolo firmato CaetanoBus sarà offerto sia in versione fuel cell che elettrica. E nel 2022 l’azienda porto...

Ordine da 200 mezzi per Volvo Buses in Svezia

Volvo Buses ha ricevuto un altro importante ordine in Svezia. Già, perché l’operatore di trasporto pubblico Transdev, per il traffico regionale a nord di Stoccolma, ha richiesto duecento autobus; la maggior parte sono Volvo 8900 RLE e 39 di loro sono Volvo 9700 DD (i due piani serviranno un po...