Contenuto sponsorizzato a cura di IVECO BUS

L’EWAY nell’arena del futuro di Brebemi per ricaricarsi con l’induzione

IVECO BUS è l’unico costruttore autobus a partecipare, con il suo full electric EWAY da 12 metri, al progetto «Arena del futuro».

Si tratta del primo progetto mondiale di innovazione collaborativa per la mobilità a zero emissioni, lanciato da Autostrada A35 Brebemi-Aleatica in collaborazione con ABB, Electreon, FIAMM Energy Technology, IVECO, IVECO BUS, Mapei, Pizzarotti, Politecnico di Milano, Prysmian, Stellantis, TIM, Università Roma tre e Università di Parma.

Questi quattordici partners, provenienti dal mondo industriale e accademico internazionale, nei prossimi mesi lavoreranno insieme per provare l’efficacia dell’alimentazione di veicoli elettrici mediante carica induttiva dinamica senza contatto.

L’iniziativa prevede, in particolare:

  • la realizzazione di un circuito di 1050 metri alimentato con una potenza elettrica di 1MW, denominato «Arena del futuro», situato sull’autostrada A35 in prossimità dell’uscita Chiari Ovest.
  • l’applicazione della tecnologia Dynamic Wireless Power Transfer a diversi tipi di veicoli elettrici
  • la connettività avanzata tramite tecnologie 5G e IoT (Internet of Things)
  • l’ottimizzazione della pavimentazione Stradale al fine di renderla più durevole e non alterare l’efficienza della carica induttiva.

IVECO BUS a ottobre scenderà nell’Arena con un Eway preparato per la ricarica dall’asfalto. A presto e continuate a seguirci per vederci in pista!

Un urbano elettrico in montagna

Il 28 maggio un urbano elettrico scalava una montagna, in silenzio e senza inquinare: era un Iveco Eway 12 metri che abbiamo provato insieme alla Società Linee Lecco SpA, sul percorso che porta alla funivia di Piani d’Erna: 4,5 km di salita e tornanti in cui il nostro elettrico si è trovato a suo agio sfoggiando le sue doti di manovrabilità e potenza.

Il ritorno, tutto in ricarica, ovviamente e…. A zero emissioni

L’EWAY arriva a Livorno

L’EWAY ha raggiunto anche Livorno e si è messo a disposizione di CTT Nord per un test su strada…

Il nostro elettrico si è cimentato con l’impegnativa LAM blu, linea ad alta mobilità che parte dalla stazione ferroviaria, attraversa la città, raggiunge il mare e torna al punto di partenza, per un totale di circa 10 km di lunghezza, 260 km totali al giorno e una frequenza di passaggio di 7 minuti. Il tutto senza pendenze.

Abbiamo sentito l’Ing. Cipriani di CTT, Responsabile parco mezzi e manutenzione di CTT nord per un commento:

Perché avete deciso di provare un full electric?:

«Stiamo facendo prove propedeutiche per la transizione elettrica, vogliamo provare dei veicoli per capirne pregi e difetti. Livorno avrà 13 milioni di euro di finanziamenti per il full electric, Lucca 7,7 milioni per veicoli elettrici ma di piccole dimensioni, poi si aggiungeranno Prato e infine Empoli che rientra nel contesto suburbano fiorentino»

Quali sono state le sue impressioni sull’E-WAY?:

«Sicuramente oltre le aspettative per quanto riguarda la capacità di poter sostenere tutto il percorso avendo ancora una buona disponibilità a fine linea, questo ci dà una garanzia sul futuro con il passaggio di questa linea all’elettrico, Inoltre abbiamo rilevato un’ottima manovrabilità del mezzo».

Dove nasce l’Iveco EWAY?

Ecco dove viene prodotto l’Eway di Iveco: si tratta dello stabilimento di Rorthais, in Francia, che si estende su una superficie di 23 ettari e comprende un circuito dedicato per le prove dei veicoli. Lo stabilimento opera secondo i criteri del WCM (World Class Manufacturing) che garantisce livelli di eccellenza in tutte le fasi della produzione e ha ottenuto la conformità ai diversi standard ISO.

Pillole di prodotto: IVECO ON, la nuova offerta digitale di Iveco Bus

IVECO ON è la nuova offerta digitale di IVECO BUS, di base su tutte le gamme pesanti Euro 6 Step E

  • Manutenzione proattiva attraverso la Control room
  • Diagnostica a distanza
  • Aggiornamento software da remoto
  • Accesso al portale IVECO ON per lo scarico dei dati
  • Valutazione dello stile di guida dell’autista
  • Fleet management (opzionale) con il Premium pack

Con l’arrivo dell’Euro 6 Step E, tutti i veicoli della gamma IVECO BUS saranno equipaggiati di base con la telematica di bordo che, previo accordo della società cliente per l’accesso ai dati veicolari,  si traduce in un insieme di servizi che vanno dalla diagnostica a distanza dei veicoli tramite control room all’assistenza e all’aggiornamento software in remoto, all’accesso al portale IVECO ON dove il cliente può trovare una serie di dati importanti sulla sua flotta, incluso il consumo, alla valutazione dello stile di guida degli autisti.

Incluso nel prezzo e a canone zero per i primi due anni, i veicoli sono dotati del «Pacchetto Smart» che prevede:

  • Manutenzione proattiva attraverso la control room
  • Servizio di assistenza da remoto
  • Accesso al Portale IVECO ON per lo scarico dei dati
  • Valutazione di guida dell’autista

Con un abbonamento mensile a pagamento è invece possibile avere il «Pacchetto Premium» che include tutte le funzioni del pacchetto smart e in più garantisce il rilevamento dei dati in tempo reale e l’accesso ai dati del tachigrafo.

Nella nostra Control Room ci preoccupiamo dei vostri veicoli ovunque essi siano. La control room riceve dati dai veicoli 24 ore su 24.

I veicoli Iveco Euro 6 Step E hanno il servizio di telematica di base a zero euro per i primi due anni.

Arriva Udine prima in Italia ad investire nel trasporto interurbano a gas naturale

Grazie all’acquisto di 5 Iveco Crossway Natural Power, Udine è la prima città italiana ad avviare il trasporto interurbano con mezzi alimentati a gas naturale. Si tratta di un investimento di 1,3 milioni di euro che apre la strada ad un progressivo rinnovo della flotta con l’inserimento, nel prossimo futuro, di altri veicoli intercity a basso impatto ecologico.

Altri 9 si aggiungeranno già nel 2021.

Angelo Costa AD Arriva Italia ha commentato: «Questi 5 nuovi mezzi eviteranno un consumo annuo di gasolio di 100.000 litri, che diventano un milione se rapportati all’intera durata del contratto decennale. La disponibilità di questa soluzione tecnologica per il trasporto extraurbano ci consente di pianificare a medio termine un raddoppio della flotta alimentata a gas naturale»

Il Crossway Natural Power offre un’autonomia superiore ai 600 km, l’ideale per linee anche di media/elevata distanza, il tutto con un impatto sull’ambiente molto più limitato di un equivalente interurbano diesel.

FlixBus sceglie il Crossway LE a biogas

Il Crossway Low Entry Natural Power entrerà in campo per FlixBus sulla tratta compresa tra Amsterdam e Bruxelles: la linea prevede l’andata/ritorno tra le due città, due volte al giorno per un totale di 830 km, nell’arco di tre anni. Il tutto a basse emissioni perché il nostro crossway sarà alimentato a biogas.

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati