Insieme alla sfida della transizione energetica, la digitalizzazione è l’altro megatrend che influenza oggi le strategie di operatori, autorità di trasporto pubblico, industria e fornitori di tecnologie.

Un tema su cui si focalizzerà il terzo appuntamento del Mobility Innovation Tour 2022, in programma per giovedì prossimo, 5 maggio, alle 11, dal titolo “Come il digitale cambia il tpl. MaaS, connettività e dati”.

Tempi decisivi per il MaaS?

Il MaaS assume particolare rilevanza in un quadro post-pandemico che vede il mondo del tpl impegnato come non mai a riattivare la domanda: migliorare l’esperienza dell’utente e offrire un facile accesso al trasporto collettivo diventa strumentale al fine di aumentare la quota modale del tpl.

Un obiettivo scritto nero su bianco nel Pnrr, che ha il target di aumentare la quota modale dall’auto privata verso il trasporto pubblico del 10%. 

Dal punto di vista industriale, dati e connettività diventano centrali per la gestione di flotte in cui la componente ‘software’ diventa sempre più preponderante.

IL PROGRAMMA

INTRODUZIONE

Gabriele Grea, docente di Urban mobily management – Università Bocconi

TAVOLA ROTONDA

  • Paolo Marchetti, Commercial, Strategy, Innovation and Sustainability Director, Atm Milano
  • Felice Mondo, Business development and Sales manager, Anm Napoli
  • Stefania Di Serio, Director of Strategy and Innovation Seamless Mobility, Almaviva
  • Alessandro Sosi, COO, OpenMove
  • Alessandro Petri, Service Manager Italia, Iveco Bus

In primo piano

Articoli correlati

“Era il sogno di mio padre: sono diventa autista per lui”

Una bella storia quella di Michela Moglia, 56 anni, che dopo aver perso il proprio posto di lavoro si è rimboccata le maniche e con una bella dose di coraggio si è rimessa in gioco, iscrivendosi all’Academy per autisti di SETA. La donna ha frequentato il corso fino alla fine, superando tutti i...