trasport2

Tra le priorità del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti c’è il rinnovo del parco circolante (utilizzando come modello quello del co-finanziamento già testato con successo in Emilia Romagna), insieme all’istituzione di una centrale unica di acquisto per la sostituzione e l’ammodernamento delle flotte (con l’eventuale coinvolgimento di soggetti privati) e l’applicazione immediata dei costi standard. Sono questi in estrema sintesi i temi toccati da Graziano Delrio in apertura del 2° Convegno Sistema Gomma nel Trasporto Passeggeri – Sostenibilità e Tecnologie per l’evoluzione del sistema – iniziato ieri a Roma, durante il quale il Ministro dei Trasporti ha chiarito la posizione del Governo sulla valorizzazione e il rilancio del trasporto pubblico locale. Al centro della due giorni, organizzata da AIIT, ANAV, Asstra e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, anche l’innovazione tecnologica che sarà, anche secondo il Ministro, determinante per l’evoluzione del settore. Delrio ha infine colto l’occasione per ribadire l’impegno verso la mobilità pubblica che dovrà essere sostenuta, anche con incentivi fiscali sia per chi utilizza i mezzi di trasporto pubblico sia per le aziende che mettono in atto politiche virtuose.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Tpl Linea approva il piano industriale

L’assemblea dei soci di Tpl Linea, azienda del trasporto pubblico locale in provincia di Savona, ha dato il via libera al Bilancio di esercizio 2021 che chiude in utile nonostante il periodo pandemico e ha approvato l’aggiornamento del Piano industriale, atto primario per procedere con l...

Anav: «Dai bus del tpl solo lo 0,5% delle emissioni»

Gli autobus impegnati nei servizi di tpl in Italia sono responsabili appena dello 0,5% delle emissioni climalteranti. Un dato forse sorprendente, in positivo, che è contenuto nello studio dedicato alla transizione energetica del tpl, condotto dal Politecnico di Milano, presentato in occasione del co...