Schermata 2016-07-21 alle 15.52.03

A breve distanza dalla presentazione del consuntivo sul reddito ante imposte finanziarie, Daimler ha pubblicato il bilancio completo del secondo trimestre che si è chiuso con calo nelle vendite di autobus. Tra aprile e giugno la casa tedesca ha venduto 7000 unità tra autobus e telai, in diminuzione dalle 7,300 unità dello stesso periodo dello scorso anno. La domanda di autobus finiti in Europa è aumentata e ha controbilanciato la riduzione delle richieste di telai in America Latina. Nel continente europeo sono stati venduti 2,000 autobus a marchio Mercedes-Benz e Setra, in aumento rispetto al secondo trimestre del 2015, con la Germania che ha fatto registrare una crescita del 5%. A frenare è ancora una volta il Sud America con il Brasile tra i paesi più colpiti dall’attuale contingenza economica che ha fatto calare gli ordini. Complessivamente i ricavi sono aumentati toccando quota 1,1 miliardi di euro, ma a soffrire sono stati gli utili, proprio per il rallentamento dell’America Latina e per la domanda in calo dei telai. Tra i costi sostenuti dal gruppo si ricordano anche quelli legati alla riorganizzazione della rete di vendita che hanno assottigliato i guadagni.

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati