Daimler Buses ha lanciato una nuova serie di Setra MultiClass 500 LE. Poco dopo la presentazione della nuova generazione di autobus turistici Setra ComfortClass 500 e TopClass 500, Setra apre un nuovo capitolo nel segmento interurbano.

La nuova serie di modelli è dotata della seconda generazione del Predictive Brake Assist 2, disponibile come optional dalla primavera del 2024. Per la MultiClass 500 LE sono in preparazione ulteriori sistemi di assistenza alla guida, come l’assistente alla svolta Sideguard Assist 2, installato su entrambi i lati.

L’aspetto interessante è che il peso è stato ridotto di circa 300 kg. “Un esempio: La MultiClass S 515 LE, con il suo formato tradizionale di circa dodici metri di lunghezza, pesa poco meno di dodici tonnellate nella sua versione standard. Ciò significa un minor consumo di carburante a parità di occupazione o un aumento dei posti massimi per i passeggeri. A seconda del modello, questo aumenta fino a sei persone”, afferma Setra.

Il nuovo Setra MultiClass 500 LE sarà prodotto anche nello stabilimento Daimler Buses Hosdere vicino a Istanbul, in Turchia. L’inizio della produzione dei veicoli tradizionali a due assi con lunghezza di circa 12 e 13 metri è previsto a partire dall’autunno 2023. Il compatto S 510 LE e il tre assi S 518 LE dovrebbero seguire dall’inizio del 2024.

Setra MultiClass 500 LE 1

Nuovo Setra MultiClass 500 LE, quattro veicoli invece di TRE

La nuova gamma MultiClass 500 LE comprende ora quattro modelli invece dei tre precedenti. Il quartetto di veicoli LE (Low Entry) unisce due mondi: la praticità del pianale ribassato e il comfort di viaggio. Le lunghezze dei modelli vanno da 10,51 a 14,52 metri. Setra dichiara che sono stati progettati per un’ampia gamma di applicazioni, dal trasporto periurbano a quello interurbano su lunghe distanze in regioni scarsamente popolate. Di conseguenza, gli autobus possono essere immatricolati sia in classe 1 (autobus urbani a servizio regolare) che in classe 2 (autobus interurbani).

Fino a poco prima dell’asse posteriore, l’autobus ha un design a pianale ribassato. Ciò va a vantaggio di tutti i passeggeri, ma in particolare delle persone a mobilità ridotta. Tre gradini bassi conducono alla sezione posteriore davanti all’asse posteriore.

Il Predictive Powertrain Control (PPC) debutta nel trasporto interurbano

Insieme al cambio manuale completamente automatizzato GO 250-8 PowerShift, il conducente è supportato dall’ultima versione del cruise control Predictive Powertrain Control (PPC). Questo sistema integra nel sistema di cambio automatico uno stile di guida adattato alla topografia. Oltre alle autostrade e alle superstrade, il materiale cartografico esteso del PPC copre ora quasi tutte le strade extraurbane in Europa, afferma Daimler Buses.

Il PPC tiene conto delle intersezioni e dei cerchi nel traffico ed è collegato al cruise control adattivo. Sulla base delle mappe memorizzate, il PPC riduce automaticamente la velocità quando si entra in città, nonché in vista di curve di strade extraurbane con un raggio stretto o di ostacoli come cerchi nel traffico e punti di arresto o di diritto.

Sotto il cofano del nuovo Setra MultiClass 500 LE

Il motore OM 936 a sei cilindri in linea con cilindrata di 7,7 litri opera nella parte posteriore dei veicoli a due assi. È disponibile in due livelli di potenza: 220 kW (299 CV) e 1200 Nm di coppia o 260 kW (354 CV) e 1400 Nm. L’ammiraglia a tre assi MultiClass S 518 LE è sempre equipaggiata con il motore OM 470 a sei cilindri in linea con una cilindrata di 10,7 litri. Eroga 290 kW (394 CV) con una coppia potente di 1900 Nm.

Per la trasmissione di potenza è disponibile un’ampia gamma di trasmissioni. Per le varianti a due assi sono disponibili il cambio manuale GO 190 e il cambio manuale completamente automatizzato GO 250-8 PowerShift (solo per il livello di potenza 260 kW/354 CV). Se le imprese desiderano un’unità automatica a convertitore-frizione, possono scegliere tra ZF Ecolife 2 a sei marce, che vanta consumi ottimizzati e una maggiore durata rispetto al modello precedente, e la nuova trasmissione Voith Diwa NXT con un secondo overdrive e sette marce.

Per la MultiClass S 518 LE a tre assi, i clienti possono scegliere tra il cambio manuale completamente automatizzato GO 250-8 PowerShift e l’unità automatica a frizione convertita ZF Ecolife 2.

Versione ibrida leggera in portafoglio

La MultiClass 500 LE con l’OM 936 in combinazione con il modulo ibrido opzionale è ancora più economica. Un motore elettrico a forma di disco è montato tra il motore e la trasmissione nella trasmissione. Se l’autobus funziona in modalità overrun o in frenata, il motore elettrico funziona come un alternatore e genera elettricità senza consumo di carburante. L’energia elettrica viene immagazzinata in due moduli di stoccaggio sul tetto, chiamati anche supercap. In situazioni di carico, come ad esempio durante le partenze, il motore elettrico da 14 kW (che probabilmente sarà lo stesso utilizzato sul Citaro ibrido) supporta il motore a combustione con l’energia dei supercap. Il motore viene sollevato dal carico e quindi consuma meno carburante.

Nuova serie Setra MultiClass 500 LE, una piattaforma modulare

La nuova gamma di modelli si basa su un sistema modulare, sottolinea Setra. Lo sbalzo anteriore di 2.710 millimetri e quello posteriore di 3.300 millimetri sono uniformi per tutti i veicoli. Anche la posizione delle porte davanti all’asse motore è identica, con una distanza di 1.540 millimetri dal centro della ruota dell’asse motore. Variano solo il passo e il numero di assi.

Entrando nello specifico, di seguito la descrizione dei quattro modelli, secondo le parole del reparto comunicazione di Daimler Buses:

  • MultiClass S 515 LE: Con una lunghezza di 12,21 metri, due assi e fino a 51 posti a sedere, si tratta di un veicolo a basso ingresso nel formato tradizionale, un veicolo tuttofare per quasi tutte le applicazioni nelle aree urbane e rurali.
  • MultiClass S 516 LE: 12,92 metri di lunghezza con due assi, per una capacità massima di 55 posti a sedere e quindi la massima redditività come autobus interurbano, navetta e scuolabus, oltre che per il trasporto aziendale.
  • MultiClass S 518 LE: Con fino a 63 posti a sedere, è un gigante nel segmento di ingresso basso in termini di capacità di posti a sedere. Il Setra più lungo della nuova serie di modelli ha una lunghezza di 14,52 metri su tre assi. Questo autobus è specializzato nei servizi di linea e nelle gite scolastiche, nonché nei lunghi percorsi interurbani.

Il design del nuovo Setra MultiClass 500 LE

L’esterno del nuovo veicolo a basso ingresso è diviso in due sezioni. La chiara divisione dell’area passeggeri in sedili anteriori e posteriori fa apparire l’esterno dei nuovi autobus interurbani meno pesante, secondo il produttore. Entrambi i segmenti sono collegati da un ampio profilo verticale. All’esterno è rivestito da un pannello di alluminio, verniciato nel colore del veicolo.

Grazie ai montanti arrotondati nella parte anteriore e ai profili angolari di forma simile nella parte posteriore, la convenzionale spigolosità si risolve in forme morbide e fluide.

Secondo Setra, il tetto sembra fluttuare sopra il corpo dell’autobus interurbano: “Il risultato è un design arioso e leggero che non ha eguali nel settore, senza l’austerità degli autobus interurbani convenzionali. Questo aspetto è particolarmente evidente quando i clienti scelgono il più scuro dei due livelli di tinta per i finestrini laterali”.

Nella parte anteriore, la MultiClass 500 LE riprende il nuovo look distintivo Setra, che il marchio ha introdotto con gli attuali autobus da turismo (targhetta di montaggio anteriore cromata e fari neri con luci full LED di serie).

I nuovi elementi luminosi a LED sopra i fari ricordano le sopracciglia. Combinano gli indicatori di direzione, le luci di ingombro e le luci di marcia diurna. Provengono dalla nuova generazione di autobus da turismo Setra.

La seconda generazione del Predictive Brake Assist 2

L’autobus è dotato della seconda generazione del Predictive Brake Assist 2, disponibile come optional per tutti i modelli del nuovo Setra MultiClass 500 LE dalla primavera del 2024. Si aggiungerà al controllo elettronico della stabilità (ESP), al sistema antibloccaggio dei freni (ABS) e al controllo antislittamento.

Il Preventive Brake Assist 2 si avvale di una combinazione di sensori radar a corto e lungo raggio e di una telecamera per reagire agli oggetti fermi e in movimento, compresi pedoni e ciclisti. Il sistema può elaborare più oggetti contemporaneamente. Inoltre, gli oggetti esterni alla carreggiata, come i segnali stradali, i veicoli parcheggiati o il traffico nelle corsie adiacenti e opposte, vengono rilevati ancora meglio all’interno dei confini del sistema, riducendo così al minimo i falsi avvertimenti, afferma il produttore.

Il sistema di assistenza alla guida avverte il conducente di una collisione con oggetti fermi o in movimento, sia visivamente che acusticamente, attraverso un avviso rosso sul display centrale. Allo stesso tempo, avvia automaticamente una manovra di frenata con frenata parziale. La frenata parziale viene applicata finché il conducente non interviene, la situazione non è più critica o l’autobus si ferma. La serie di avvisi e l’applicazione dei freni sono stati progettati proprio per l’uso in servizio regolare e quindi per proteggere i passeggeri in piedi.

La variabilità del nuovo Setra MultiClass 500 LE

E la scelta delle porte? Per l’ingresso uno è disponibile una porta a un’anta in due larghezze, 900 e 1.150 millimetri, oltre a una porta doppia ancora più larga e a una larghezza di passaggio di 1.380 millimetri come novità. L’ingresso due può essere scelto a un’anta o a due ante (1.150/1.380 millimetri). Per la prima volta, tutti i modelli possono essere dotati, a richiesta, di una terza porta dietro l’asse posteriore (larga 900 millimetri). Tutte le porte sono vetrate fino al pavimento.

Le aziende possono scegliere tra porte girevoli verso l’esterno, porte girevoli verso l’interno e porte oscillanti/scorrevoli. A seconda della variante della porta e delle dimensioni del pneumatico, all’ingresso due sono disponibili anche una rampa pieghevole meccanica, una doppia rampa con una combinazione di rampe elettriche e meccaniche e una rampa scorrevole elettrica.

E le rampe pieghevoli?

Per la prima volta è disponibile anche una rampa pieghevole meccanica per la porta uno. Ciò è possibile con le varianti senza pedana, poiché in questo modo si ottiene la larghezza del corridoio necessaria per consentire alle persone in sedia a rotelle di raggiungere il proprio posto in modo sicuro nell’area speciale di fronte all’ingresso due. Le sedie a rotelle possono essere fissate in modo sicuro con pratici connettori a fungo e cinture di sicurezza o con cinture di sicurezza incassate nelle pedane. In alternativa, è possibile avere un’area speciale sul lato destro in direzione di marcia.

L’altezza di ingresso – “inginocchiatoio” escluso – nella sezione anteriore al primo ingresso è compresa tra 311 e 314 millimetri per i pneumatici 275/70 R 22,5 per autobus urbani. Con i pneumatici 295/80 R 22,5 per autobus interurbani, l’altezza non supera i 355-358 millimetri.

Aria condizionata, molte varianti

Oltre alla quantità di spazio disponibile, con un’altezza in piedi di circa 2.600 millimetri, e ai comodi posti a sedere, il sistema di climatizzazione assicura il comfort a bordo dei nuovi autobus. I finestrini laterali possono essere a vetro singolo o doppio.

Se si desidera il controllo del clima, gli operatori hanno la possibilità di scegliere. Il primo stadio è costituito da una cabina di guida climatizzata. Se il controllo della temperatura dell’area passeggeri è sufficiente nelle regioni a clima mite, è ideale la nuova versione EvoCool light Basic con due moduli di climatizzazione montati sul tetto e una potenza di 12 kW ciascuno. In questo caso, le uscite dell’aria sono disposte centralmente sul lato inferiore dei moduli di condizionamento sopra il corridoio centrale. Il classico sistema di condizionamento a tetto EvoCool Basic funziona con una potenza da 32 a 39 kW, a seconda del modello. In questo caso, l’aria raffreddata viene distribuita tramite condotti sul tetto con uscite d’aria nell’abitacolo. Come equipaggiamento speciale, è possibile dotare il veicolo di bocchette d’aria e luci di lettura in combinazione con il climatizzatore a tetto, un altro esempio della versatilità della nuova MultiClass 500 LE. Tutti gli impianti di climatizzazione sono dotati di filtri antivirali di serie.

Scelte della cabina di guida Setra MultiClass 500 LE

È possibile scegliere tra tre varianti: Cockpit City (urbano), Cockpit Basic City (urbano/interurbano) o Cockpit Basic (interurbano), realizzate su misura per le rispettive applicazioni. Tutte sono dotate di serie di un pannello posteriore chiuso – in plastica opaca o vetro acrilico – e di una porta della cabina di guida. Questa dà il benvenuto ai passeggeri con la scritta del marchio in rilievo e, su richiesta, può essere dotata di uno schermo protettivo fino a una vetratura a tutta superficie.

Per il sedile del conducente sono disponibili due diversi modelli. I sedili possono essere fissati in quattro diverse posizioni. Possono essere regolati in vari modi e possono essere personalizzati, compreso il controllo del clima.

La versione standard è il Cockpit Basic per uso interurbano. È stato progettato in modo pratico per il montaggio di registratori di cassa e sistemi di pagamento per il servizio regolare. Il nuovo vano comunicazioni opzionale con vani portaoggetti sopra la postazione di lavoro del conducente ospita i dispositivi elettronici. È stato notevolmente ampliato rispetto al modello precedente.

In alternativa al vano comunicazioni, è possibile fornire un vano portaoggetti per il conducente. Se si ordinano i ripiani per i bagagli, è possibile avere vani portaoggetti anche nella parte anteriore, a sinistra e a destra.

Focus sulla frenata

Il conducente attiva il freno di stazionamento manualmente tirando la leva o premendo il pulsante “P”. Rilascia il freno di stazionamento premendo il pedale dell’acceleratore o premendo nuovamente il pulsante “P”. La funzione di mantenimento integrata si attiva quando il veicolo è fermo, premendo con più forza il pedale del freno. Il freno di servizio non viene rilasciato finché il conducente non preme nuovamente il pedale dell’acceleratore. In caso di partenza in salita, il sistema assiste il conducente con il dispositivo di ausilio alla partenza integrato. Infine, il freno di stazionamento si attiva automaticamente quando la MultiClass 500 LE è ferma, il conducente slaccia la cintura di sicurezza e lascia il posto. In questo modo si evita che l’autobus si sposti involontariamente.

Vista a 360 gradi disponibile

Il sistema opzionale di telecamere a 360° offre una perfetta visibilità durante le manovre e negli spazi ristretti. Grazie a questo sistema, è possibile rilevare passanti, ciclisti e ostacoli anche in aree altrimenti difficili o impossibili da vedere per il conducente. Un totale di quattro telecamere poste nella parte anteriore, posteriore e sopra i finestrini laterali rilevano le immediate vicinanze del veicolo e generano una visibilità indiretta a 360°. L’immagine corrispondente di una visione a volo d’uccello viene visualizzata su un monitor in formato 10 pollici sul montante A. Lo schermo è diviso in due sezioni. È possibile scegliere tra cinque diverse visualizzazioni: 360° da una visuale a volo d’uccello in formato completo e, a scelta, integrata dalle immagini delle singole telecamere. La seconda immagine sul monitor dipende dalla situazione di guida: A seconda dell’indicatore di direzione attivato o della retromarcia inserita o meno, la visuale passa automaticamente al lato corrispondente.

Il conducente può anche selezionare l’immagine desiderata dal menu sullo schermo. Le immagini delle telecamere a 360° vengono visualizzate durante la guida in avanti fino a una velocità di circa 30 km/h e sono sempre disponibili durante la guida in retromarcia. Le indicazioni sul bordo anteriore e posteriore dell’autobus, così come il percorso di guida suggerito, facilitano l’orientamento del conducente. La visuale riflette un campo visivo fino a una distanza di circa cinque-sei metri, mantenendo coperte le corsie adiacenti.

Anche l’illuminazione ambientale per la retromarcia è disponibile come supporto significativo per le manovre. Le corrispondenti luci a LED che puntano in diagonale verso la parte posteriore sono montate sulle alette dei passaruota dell’asse motore.

Inutile dire che il MultiClass 500 LE soddisfa le specifiche in conformità alla norma ECE R 66.02 per la prova di ribaltamento e, su richiesta, soddisfa volontariamente i requisiti della prova d’urto con pendolo in conformità alla norma ECE R 29.

Uno sguardo alle sospensioni

I componenti delle sospensioni si basano su dimensioni note. Per il momento, questo vale per l’assale anteriore a pianale ribassato ZF RL 82EC, utilizzato anche in altri autobus e coach turistici Daimler. L’assale a trasmissione ipoide RO 440, silenzioso e a basso consumo di carburante, è un comodo assale per autobus da turismo. Ora sono disponibili ancora più varianti di rapporto di trasmissione, da i=3,1 a i=5,87, per adattarsi a diverse applicazioni e trasmissioni. Ciò significa che la MultiClass 500 LE funziona sempre con una trasmissione perfettamente adattata. Infine, il terzo asse della MultiClass S 518 LE è un asse di trazione a sterzata attiva con sospensione a ruote indipendenti.

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati

Daimler Buses Italia: “Non parteciperemo a NME e IBE”

Niente NME-Next Mobility Exhibition, in programma a Milano dall’8 al 10 maggio 2024 e niente IBE Intermobility & Bus Expo a Rimini dal 19 al 21 novembre 2024. Questa la decisione di Daimler Truck, o meglio della sua divisione autobus tricolore Daimler Buses Italia, che con un comunicato st...