Parte domani, 22 novembre, a Torino il tour italiano del minibus elettrico Novus Cityline, un prodotto Altas commercializzato in Italia da D’Auria. In seguito alla ‘puntata’ sotto la Mole, il roadshow toccherà le città di Milano, Varese, Treviso, Bologna, Firenze e Pescara.

Tour italiano minibus elettrico D’Auria

Il Novus Cityline del Gruppo D’Auria sarà protagonista di un tour per lo Stivale, da martedì 22 a venerdì 25 novembre. Un’occasione per conoscere meglio l’autobus elettrico, testandone autonomia e potenzialità. In una settimana il minibus elettrico di D’Auria toccherà un saggio delle principali aziende di trasporto pubblico italiane che oggi si confrontano con il tema della transizione elettrica. Un passaggio delicato che richiede investimenti e partnership industriali solide.

«Il nostro autobus elettrico è un mezzo di trasporto a impatto zero che garantisce un’autonomia di 270 chilometri. La sostenibilità è un pillar centrale per il nostro Gruppo e rappresenta l’unica strategia che stiamo perseguendo. Il nostro autobus elettrico rappresenta un contributo tangibile che diamo al processo di decarbonizzazione e al rilancio del comparto industriale italiano. Questo tour per l’Italia rappresenta un’occasione unica per i tanti operatori che in questo particolare momento storico sono chiamati a utilizzare i fondi messi a diposizione del PNRR per il rinnovo delle flotte. Il Novus Cityline con i suoi 7,3 metri e una capacità di trasporti sino a 19 passeggeri è il mezzo ideale per le città che caratterizzano il nostro Paese». ha dichiarato Andrea D’Auria, amministratore delegato del Gruppo D’Auria.

115 kWh per la batteria del Novus Cityline D’Auria

Il Novus Cityline si è già fatto apprezzare a Milano, dal 12 al 14 ottobre, in occasione della prima edizione di NME-Next Mobility Exhibition (Fiera Milano). È caratterizzato da un motore trifase montato centralmente che sviluppa un massimo di 150 chilowatt, una potenza capace di rispondere a qualsiasi profilo di missione. Ad alimentare il motore pensano i pacchi batteria, per un totale di 115 kWh, con ricarica Ccs2 che richiede appena 50 minuti.

A disposizione del driver troviamo un quadro di strumentazione ridisegnato e impreziosito con monitor touchscreen da dieci pollici, che fornisce anche la diagnostica.

Articoli correlati

Arst mette a gara 118 autobus ibridi (diesel)

Arst (Azienda Regionale Sarda Trasporti) ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di 118 autobus Classe I (suburbani) a trazione con alimentazione ibrida (elettrica-diesel) suddivisa in due lotti per un valore di 86,5 milioni di euro. 71,7 dei quali per il lotto numero uno per 100 mezzi da 12...

I nuovi E-Way di Iveco Bus sbarcano in Uruguay

La mobilità sostenibile ed elettrica di casa Iveco Bus arriva anche nelle strade dell’Uruguay, dove il costruttore ha portato la nuova generazione di mezzi E-Way full electric. «La sostenibilità è una priorità fondamentale per Iveco Bu. È una scelta che facciamo ogni giorno, considerando l&#82...

La storia di Franco Pala, autista del Cagliari Calcio da 6 anni

Il dodicesimo uomo del Cagliari Calcio. Non ce ne vorrà la tifoseria del Casteddu (perché solitamente il dodicesimo uomo è il pubblico della squadra), ma almeno per questa volta l’uomo in più dei rossoblù è Franco Pala. Che di professione non fa il calciatore, ma il conducente di bus. E il signor Pa...