Trenta nuovi autobus per la mobilità di Ancona e provincia. Conerobus investe sul rinnovo del parco mezzi mettendo a disposizione dell’utenza un sistema di trasporto pubblico più efficiente, realizzato con veicoli moderni, confortevoli e con le tecnologie più avanzate per la tutela dell’ambiente. I primi 11 mezzi (Iveco Crossaway) che verranno impiegati nell’extraurbano, sono già entrati a far parte della flotta e saranno operativi nei prossimi giorni. Altri 19 veicoli, destinati alla rete urbana di Ancona, sono in arrivo ed entreranno in servizio tra settembre e ottobre. I bus sono stati acquistati con fondi europei e statali, per un importo complessivo di circa 7 milioni di euro.

Conerobus

 

Iveco Crossway per la Conerobus

«I nuovi autobus», ha affermato il presidente di Conerobus Muzio Papaveri «rappresentano un’importante tappa del processo di rinnovamento del parco mezzi, su cui la società ha intenzione di continuare ad investire. Stiamo già definendo i futuri acquisti per altri bus che arriveranno nel 2019 e nel prossimo futuro puntiamo anche a dotarci di mezzi elettrici». I trenta nuovi autobus andranno a sostituire i vecchi veicoli euro 0 ed euro 1 ed, in particolare, entro l’autunno, tutti gli euro 0 verranno rimpiazzati, in linea con la nuova normativa che ne prevede il divieto di circolazione a partire dal 1°gennaio 2019. Gli 11 Iveco Crossway per il servizio di trasporto extraurbano sono lunghi 13 metri e dotati, tra l’altro, di pedana per disabili, avvisatori acustici per i non vedenti, sistema di videosorveglianza interno e di autospegnimento in caso d’incendio.

Conerobus

Conerobus investe per il territorio

«L’acquisto degli autobus», ha sottolineato l’assessore Simonella, è un bellissimo segnale per gli utenti ed è importante per Conerobus, perché, dopo anni in cui ci si è concentrati fortemente sul raggiungere come azienda un equilibrio di bilancio, cosa non semplice, perché pativamo da una situazione particolarmente difficile, ora possiamo riprendere gli investimenti e garantire ai cittadini un servizio sempre più di qualità». Conerobus non acquistava nuovi veicoli da oltre 5 anni e ora, dopo aver lavorato duramente per dare stabilità ai propri conti, si sta concentrando sul rinnovo della flotta, tra i punti cardine della strategia di gestione aziendale. L’obiettivo è di abbassare l’età media del parco mezzi, ridurre i costi di manutenzione, migliorando nel contempo gli standard qualitativi con notevoli benefici per gli utenti e sull’ambiente.

Conerobus

Si è svolta ieri sera ad Ancona la consegna di 11 Crossway Low Entry a Conerobus, società nata nel 1999 dalla fusione di due aziende di trasporto della città di Ancona, l’ATMA per il servizio di collegamento urbano della città di Ancona, e il COTRAN per quello extraurbano, al fine di rispondere alla necessità di diffusione e collegamento intercomunale. Presenti alla cerimonia di consegna dei veicoli, che vanno ad ampliare un parco mezzi di circa 230 autobus tra urbani, interurbani e mezzi adibiti al noleggio, Muzio Papaveri, Presidente della Società, Valeria Mancinelli, Sindaco di Ancona, e Angelo Maresca e Maria Fiorentino, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato della Maresca e Fiorentino, concessionaria IVECO BUS di riferimento, nonché i rappresentanti di numerose istituzioni provinciali e cittadine. La versione Low Entry dei Crossway oggetto della fornitura è la Line nella configurazione da 13 mt di lunghezza, con 49+1 posti e pianale ribassato tra le porte per un accesso facilitato; gli autobus sono dotati di motore Euro 6, che eroga una potenza di 360 cv e un equipaggiamento studiato espressamente per garantire sicurezza e confort per autista e passeggeri e migliorare la vita a bordo: aria condizionata integrale, cartelli indicatori anteriore e posteriore, annuncio vocale, cabina autista antiaggressione, telecamera retromarcia e porta centrale, impianti antincendio, videosorveglianza, AVM e contapasseggeri. Premiato nell’edizione 2017 dell’International Bus & Coach Competition, dedicata per la prima volta agli autobus con ingresso a pianale ribassato, il Crossway LE è stato giudicato il migliore in termini di catena cinematica, manovrabilità, comodità e costo totale di esercizio. Ne sono la prova le più di 30.000 unità operative in tutta Europa fino ad oggi, che identificano questo autobus come la scelta ideale per il trasporto passeggeri a corto e medio raggio, che si distingue per il basso consumo di carburante, gli intervalli di manutenzione più distanziati e uno spazio per il conducente concepito per soddisfare gli standard ergonomici più elevati, il tutto in un ambiente sicuro e confortevole. La concessionaria IVECO BUS che ha gestito il bando di gara è la Maresca & Fiorentino, storica concessionaria nata a Borgo Panigale nel 1957. In 50 anni di attività l’azienda ha saputo soddisfare più di 1.100.000 clienti, attraverso servizi a 360° – per vetture e per autobus – in una vasta zona che copre quattro Regioni: Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl