L’integrazione modale sale in cattedra in Toscana sotto la regia di Trenitalia, Busitalia e Ataf. Nasce infatti “Unica Toscana“, la tessera personale elettronica che consente di viaggiare sia sui servizi urbani dell’area metropolitana di Firenze sia su quelli regionali e sovraregionali  di Trenitalia.

unica toscana

“Unica Toscana”, integrazione nel piano industriale Fs

La novità della carta elettronica “Unica Toscana” è stata annunciata dall’Assessore Regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli, dal Sindaco di Firenze Dario Nardella, dall’Amministratore Delegato di Busitalia Stefano Rossi e dal Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia Maria Annunziata Giaconia. La realizzazione della card coltiva l’obiettivo di promuovere una mobilità collettiva, integrata e sostenibile, che figura a chiare lettere nel piano industriale 2017-2026 del gruppo Fs, lo stesso che ha lanciato il cosiddetto “assalto alla gomma” da parte dell’azienda statale delle ferrovie tramite la propria controllata Busitalia.

“Unica Toscana” disponibile nelle biglietterie

Dal primo aprile è possibile caricare su “Unica Toscana” gli abbonamenti Trenitalia regionali (settimanali, mensili ed annuali) ed Isee e quelli sovraregionali con almeno una località di partenza/arrivo all’interno dei confini della Toscana. In secondo luogo, sono caricabili gli abbonamenti annuali ATAF&Li-nea (UNICA TOSCANA è il supporto esclusivo per acquistare gli annuali: dal 1° aprile, quindi, sono scomparsi i tradizionali cartacei che saranno caricati direttamente sulla card), gli abbonamenti mensili ed i carnet da 10 biglietti ATAF&Li-nea. Inoltre, la tessera è predisposta per supportare anche altre tipologie di titoli di viaggio. Per richiedere la tessera “Unica Toscana”, che viene rilasciata dalle biglietterie ATAF&Li-nea a Firenze e nelle biglietterie Trenitalia, è sufficiente compilare l’apposito modulo disponibile nelle biglietterie (ma anche su trenitalia.com e fsbusitaliashop.it).

La carta “Unica Toscana” riconosce automaticamente i biglietti

Ma come funziona, nel concreto, la carta elettronica “Unica Toscana”? Semplice: funziona accostandola al validatore ad ogni salita a bordo, sia all’inizio del viaggio che per i successivi trasbordi. Riconosce automaticamente i biglietti caricati, registra la validazione per gli abbonamenti in corso di validità e procede a scalare le corse, in caso di  carnet. Sarà rilasciata gratuitamente fino ad agosto, deve essere conservata con cura e mantenuta integra. La carta è stata realizzata anche grazie al cofinanziamento della Regione Toscana.

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl