Busitalia Campania ha fatto suo lo Sprinter numero 25mila. Tanti sono i minibus Mercedes usciti finora dallo stabilimento di Dortmund. Un motivo sufficiente per festeggiare in grande stile l’evento che ha permesso di raggiungere la cifra tonda: la consegna dello Sprinter City 65K a Busitalia Campania ha visto la partecipazione di Antonio Barbarino (CEO di Busitalia Campania), (Heinz Friedrich – CEO di EvoBus Italia) e Ulrich Hesselmann (CEO di Mercedes-Benz Minibus GmbH).

mercedes sprinter busitalia

Mercedes Sprinter, un grande classico

I minibus Mercedes-Benz sono presenti da diversi anni in circa 40 paesi. La principale area di vendita è l’Europa occidentale: oltre alla Germania, i tre mercati più importanti sono Francia, Inghilterra e Italia. Lo stabilimento Mercedes-Benz Minibus di Dortmund copre una superficie produttiva di 12.000 mq, ha 4 linee di assemblaggio parallele, 260 collaboratori, una produzione annua da 1200 a 1600 veicoli, una gamma basata su 4 serie di veicoli Sprinter e 24 modelli, di cui 16 guida a sinistra e 8 guida a destra. Il 25.000° veicolo prodotto dallo stabilimento di Dortmund consegnato a Busitalia fa parte di un importante ordine ottenuto con proceduta di gara per 30 Sprinter City 65K. I veicoli sono consegnati da EvoBus Italia in tre lotti: 15 autobus nel primo trimestre e 15 tra i mesi di luglio ed agosto del corrente anno.

Lo Sprinter di Busitalia nel dettaglio

Il veicolo numero 25.000° “Sprinter City 65K” per Busitalia, immatricolato Classe 1, è allestito con motore OM 651 DE 22 LA 120 kW (163 CV), cambio automatico 7G-TRONIC PLUS, sospensioni pneumatiche sull’assale posteriore. Offre una capacità di trasporto per un massimo di 27 passeggeri, di cui 8 seduti, 2 sedili ripiegabili e rampa per l’incarozzamento di disabile non deambulante con spazio dedicato allo stazionamento della carrozzella. Inoltre il City 65K, è dotato di sistemi di sicurezza come l’assistenza al vento laterale, l’assistenza in salita e freno di arresto automatico; abbassamento posteriore e sollevamento posteriore, sull’asse posteriore; fari bi-xeno con luce di svolta; due porte passeggeri di cui quella anteriore a doppia anta e quella posteriore ad anta singola; sistema posteriore PARKTRONIC per il controllo della manovra in retromarcia; aria condizionata conducente da 7 kW e zona passeggeri da 11kW; riscaldamento abitacolo 10 kW, con funzione di riscaldamento ausiliario; sedili passeggeri originali Mercedes-Benz ad alta resistenza con guscio di plastica. Il veicolo è stato completato nella sua versione finale ‘Busitalia’ con cartelli indicatori di destinazione con tecnologia a led bianchi, telecamere per il controllo della retromarcia, della porta posteriore, e anteriore per il controllo degli eventuali sinistri; con sistema conta passeggeri e sistema di AVM per la localizzazione del veicolo, nonché sistema di bigliettazione.

Evobus e Busitalia

Busitalia, si legge nella nota stampa diramata da Stoccarda, è un cliente storico di EvoBus Italia: dal 2013 ha ritirato e già messo in circolazione quasi 650 autobus di marchio Mercedes-Benz e Setra superiori alle 8t per il trasporto urbano ed interurbano e olre 55 minibus Sprinter. Il 25.000° Sprinter è stato destinato a Busitalia Campania, società che gestisce il servizio di trasporto pubblico su gomma nella città di Salerno e in parte della provincia. Busitalia Campania è la NewCo fondata da Busitalia nel 2016 in seguito all’acquisto del ramo di azienda del CSTP .

Uno Sprinter pensato per il mercato italiano

Ulrich Hesselmann, CEO di Mercedes-Benz Minibus GmbH, dichiara: “Per noi l’Italia è un mercato molto importante e prezioso sin dall’inizio della nostra produzione di minibus. In particolare un prodotto della nostra ampia gamma di autobus urbani, lo Sprinter City 65 K, è stato progettato specificamente per la richiesta del mercato italiano e dal 2006 è entrato a far parte della nostra gamma. Siamo particolarmente lieti che questo minibus numero 25.000, specifico per il mercato urbano, vada in servizio in Italia presso il nostro apprezzato cliente Busitalia, insieme a 29 altri minibus di questo tipo e tutti nel corrente anno”.

La rete Omniplus

“Nel progressivo consolidamento dei rapporti tra Daimler Buses ed il Gruppo Busitalia la rete di assistenza OMNIplus in Italia ha giocato – e gioca – un ruolo fondamentale. Specie per un gruppo in forte espansione come appunto è Busitalia in questi ultimi anni, la consapevolezza di poter contare su una rete capillare di punti di assistenza capaci di organizzare manutenzioni programmate in full-service praticamente ovunque, rende più facile, fluida e meno problematica la messa in pista, ad esempio di una nuova sede o di un nuovo servizio.“ – dichiara Michele Maldini (Direttore Commerciale Daimler Bus di EvoBus Italia). “Il mercato degli autobus corti è molto importante in Italia, sia per le caratteristiche orografiche problematiche, sia per la necessità da parte delle aziende di personalizzare sempre di più l’offerta del servizio. Lo Sprinter City è un esempio dello sviluppo positivo del business dei minibus per EvoBus Italia”, afferma con soddisfazione Heinz Friedrich, CEO di EvoBus Italia e prosegue: “Personalmente sono molto contento che questo veicolo speciale, il 25.000° Sprinter prodotto, venga consegnato ad un nostro cliente speciale quale Busitalia!”.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl