Si è aperta ieri la due giorni del Bus2Bus, la fiera dell’autobus di Berlino. Teatro dell’appuntamento chiave per il mercato tedesco i padiglioni 20 e 21 di Messe Berlin, che sono tornati ad accogliere visitatori e mezzi in carne e ossa, dopo un’edizione – quella del 2020 – completamente digitale, causa pandemia.

La risposta dell’industria c’è, così come quella degli operatori di settore e degli appassionati: siamo probabilmente lontani dai fasti del passato, ma si registra una più che soddisfacente presenza di pubblico. Aspetto peraltro sottolineatoci da diverse aziende con le quali abbiamo chiacchierato.

Bus2Bus Messe Berlin

A farla da padrone, ovviamente, sono i signori della strada su gomma: Classe I e Classe II rappresentano la quasi totalità dell’offerta in fiera, ma marcano visita anche qualche coach turistico. Venendo alle case madri, trattandosi di evento propriamente tedesco, spiccano Daimler con i suoi stellati e MAN (anche con Neoplan).

Forte anche la compagine turca, con Karsan, Isuzu e Otokar; quest’ultima ha portato di fatto l’unica vera novità di prodotto in fiera, presentando l’e-centro C, un sei metri elettrico, insieme alla neonata start-up teutopolacca Arthur, che si è presentata a Berlino con un 12 metri a idrogeno.

Già, l’elettrico (insieme all’idrogeno) è il fil rouge anche di questo appuntamento fieristico. Perché il trend dell’elettrificazione è ormai sempre più consolidato.

Lo sa bene Iveco, che è atterrata nella capitale d’Europa portando i dodici metri dell’E-Way ma anche – per la prima volta assoluta a una fiera – lo Streetway. Una bella novità al Bus2Bus.

Iveco Streetway front Bus2Bus

Continuando con l’industria, sempre nel nome dell’elettrico, timbrano il cartellino anche Temsa e Skoda con due elettrici – rispettivamente l’Avenue Electron e l’E’ City. Dunque ecco Ebusco, il Caetano a idrogeno (H2 City Gold in collaborazione con Toyota) e pepper.

Switch Bus2Bus 2022

Infine, terza notizia dopo il piccolo Otokar e la premiere dello Streetway Iveco, la presenza dell’anglo-indiana Switch, che lancerà a giugno – si presume a Parigi – l’ebus da 12 metri.

Infine, si registra la presenza anche di Altas, ProBus, KBus e FlixBus, con uno Scania.

IL SERVIZIO COMPLETO SUL NUMERO DI AUTOBUS DI MAGGIO

In primo piano

Articoli correlati

“Era il sogno di mio padre: sono diventa autista per lui”

Una bella storia quella di Michela Moglia, 56 anni, che dopo aver perso il proprio posto di lavoro si è rimboccata le maniche e con una bella dose di coraggio si è rimessa in gioco, iscrivendosi all’Academy per autisti di SETA. La donna ha frequentato il corso fino alla fine, superando tutti i...