Bus sequestrato sulla Paullese con studenti a bordo, i genitori chiedono i danni ad Autoguidovie. L’azienda risponde: «Siamo anche noi parte lesa». Il comune di Crema ha chiesto l’apertura di un tavolo con l’agenzia per il trasporto pubblico locale. Ne dà notizia questa mattina il quotidiano lodigiano Il Cittadino.

Bus  Paullese

Una mancata strage sulla Paullese

La vicenda è tristemente nota, rimbalzata su organi di stampa e televisioni a livello nazionale. Il 20 marzo il conducente di un autobus Autoguidovie, in quel momento in servizio scuolabus, ha dirottato il veicolo dirigendosi verso l’aeroporto di Linate, sequestrando i 51 ragazzini dell’istituto Vailati di Crema. L’autobus è stato cosparso di benzina e infine dato alle fiamme dallo stesso conducente. Solo il tempestivo intervento dei carabinieri, all’altezza di San Donato, ha permesso di evitare una strage.

CLICCA QUI PER L’ARTICOLO
Milano, sequestra bus con 51 studenti a bordo e appicca il fuoco

Al volante con precedenti penali

Si è scoperto a seguire che l’autista Ousseynou Sy aveva precedenti per guida in stato di ebrezza e per violenza sessuale su minore, per fatti commessi dopo aver iniziato a lavorare per Autoguidovie. Motivo per cui, all’assunzione (nel 2004), la fedina penale risultava pulita. Fedina penale che non è più stata controllata negli anni a seguire in quanto la legge non lo richiede. I genitori hanno chiesto i danni ad Autoguidovie. Nel contempo il comune di Crema ha chiesto l’apertura di un tavolo con l’agenzia per il trasporto pubblico locale.

Ranza: anche Autoguidovie è parte lesa

Il presidente di Autoguidovie Camillo Ranza ha voluto evidenziare l’imprevedibilità dell’accaduto: «L’operato criminale di Sy Osseynou nulla a che vedere con il servizio da noi esercitato – precisa Ranza, secondo quanto riportato su Il Cittadino -. Il responsabile, compiendo un’azione del tutto avulsa dalla prestazione lavorativa, ha indebitamente requisito un mezzo aziendale, lo ha sottratto al servizio, vi ha fatto salire studenti ed adulti e li ha sequestrati con il seguito in parte noto ed in parte ancora oggetto delle indagini della Magistratura».

Il personale è controllato periodicamente

«Autoguidovie esercisce da sempre tali servizi (trasporto studenti, ndr) nel rispetto delle norme di riferimento e delle relative prescrizioni contrattuali, rendiconta quanto dovuto alla competente agenzia – sempre Ranza -. Tutti i mezzi impiegati per il servizio, incluso quello requisito da Sy Osseynou sono debitamente collaudati ed autorizzati e sono dotati di apparato di georeferenziazione, oltre che di videosorveglianza. Per quanto, poi, riguarda il personale in servizio, Autoguidovie provvede regolarmente, come previsto dalle norme vigenti in materia, alle visite mediche ed attitudinali prescritte dalla legge per il personale conducente».

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Dieci Scania-Irizar i4 a metano per ATC Esercizio, La Spezia

La flotta di ATC Esercizio, La Spezia, ha dato il benvenuto a dieci autobus ecologici firmati Irizar su telaio Scania: si tratta del modello i4 a metano. I nuovi arrivati nella famiglia dell’operatore spezzino – che li metterà alla frusta per i profili di missione extraurbani – son...
Tpl

Dolomiti Bus, al via il servizio a chiamata Trillo a Belluno e Feltre

Il 10 giugno entrerà in vigore il nuovo orario estivo Dolomiti Bus. Dal medesimo giorno sarà anche attivo il nuovo servizio a chiamata “Trillo”. In questa fase sperimentale, il servizio interesserà le corse urbane di Belluno e Feltre, con un’estensione ai territori di Ponte nelle Alpi, Limana,...
Tpl