Schermata 2015-03-21 alle 19.22.37
L’inizio della vicenda dei filobus destinati alla città di Bologna risale al lontano 2004 quando Irisbus vinse la gara d’appalto per la fornitura di 49 veicoli. Il progetto Civis, costato circa 182 milioni di euro, non ebbe vita facile e a causa di ritardi e problemi legati alla sicurezza e all’affidabilità di guida venne ufficialmente abbandonato dalla municipalità bolognese nel 2011. L’anno successivo il Comune e Irisbus firmano un nuovo contratto per la sostituzione dei 49 autobus Civis con dei nuovi veicoli Crealis Neo senza alcun costo aggiuntivo. Lo scorso 2014, infine, Skoda ottiene il via libera per la produzione e l’assemblaggio delle apparecchiature tecniche destinate ai 49 Crealis Neo. Nelle immagini che seguono si possono ammirare i filobus Iveco Crealis da 18 metri per la TPER di Bologna in prova presso lo stabilimento Skoda Electric di Ostrava in Polonia e per le strade della città di Pilsen.

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

I mezzi, a pianale completamente ribassato, possono ospitare fino a 140 passeggeri, 29 seduti e 111 in piedi. Ai viaggiatori con ridotte capacità motorie sono assicurati spazi per carrozzine e sedie a rotelle di fronte alla seconda porta d’ingresso, dove sono state posizionate vetrate più ampie per garantire maggiore illuminazione all’intero veicolo. I mezzi, con una parte frontale che ricorda quella di un tram, sono dotati inoltre di illuminazione interna a LED, sedili anti-vandalismo, sistema di videosorveglianza e guida ottica automatica.

 [/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...