omnibus

Il Consorzio Omnibus, gruppo di imprese private che svolge servizio di trasporto pubblico locale nell’area metropolitana di Bologna e composto da Tper, Saca, Cosepuri e Coerbus, rinnova la propria flotta con un recente acquisto di 15 autobus a marchio Iveco. Il Consorzio punta a sostituire gli attuali mezzi con autobus a inquinamento zero: con un investimento sostenuto solo con risorse private, senza alcun contributo pubblico, sono stati acquistati 15 Crossway Euro 6 che garantiscono minori consumi e ridotte emissioni inquinanti. «Questi nuovi mezzi», ha dichiarato Bruno Riccipetitoni, AD del Consorzio, «saranno operativi nell’Area Metropolitana di Bologna, collegando la città con i bacini di Molinella e di Calderara di Reno/Sala Bolognese, e nella zona di Imola e Castel San Pietro». Soddisfazione espressa non solo da Riccipetitoni, ma anche da Giuseppina Gualtieri, Presidente di Tper, che ha ricordato come sia importante lavorare per rinforzare la partnership tra pubblico e privato: «una collaborazione nell’ambito della quale abbiamo deliberato la cessione di 100 mezzi a Omnibus per la gestione dei servizi di Tpl con l’impegno a rinnovarne una buona parte in 24 mesi».

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl