Roberto_Sommariva

Roberto Sommariva

Our streets, our choice. È questo lo slogan della Settimana europea della mobilità 2014 (16 al 22 settembre). Un evento promosso dalla Commissione Ue per incoraggiare l’uso dei mezzi pubblici. «Sensibilizzare i cittadini sull’importanza della mobilità sostenibile è fondamentale», ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Un frase che suona un po’ come un slogan visto il taglio verticale degli investimenti statali al settore. «Bisogna fare un salto di qualità, con politiche strutturali e queste politiche richiedono investimenti». A lanciare il grido d’allarme è Massimo Roncucci, presidente di Asstra (associazione che raggruppa le principali aziende di trasporto pubblico italiane), che continua: «Prima di tutto dovrebbe essere eliminata la schizofrenia normativa. Il Governo presenti un testo complessivo di riforma, auspicando che sia una normativa chiara, semplice, applicabile e che segua la normativa europea vigente. Ma soprattutto basta con interventi omnibus che mettono insieme in un unico calderone tutti i servizi pubblici». Giusto. Però qualcosa sta cambiando e sembra che la risposta alla domanda di mobilità non arriverà più dall’alto ma avrà sempre più un carattere democratico e condiviso, come ci spiega Barbara Covili, blogger, pasionaria della mobilità sostenibile. «Nell’ultimo anno il nostro paese ha vissuto una vera a propria “rivoluzione” della mobilità grazie all’introduzione dei sistemi di car sharing e al diffondersi di nuove App che stanno radunando comunità estese e impegnate (vedi Moovit). Riprendiamoci quindi consapevolmente le nostre strade, non solo durante questi 7 giorni ma per tutto il resto dell’anno». Insomma, condividete e moltiplicatevi.

 

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sicurezza a bordo: regole e responsabilità nei viaggi in bus

di Gianluca Celentano, conducente bus A bordo dovremmo saperlo tutti: è vietato imbarcare valigie, zaini o borse voluminose, e questo non per capriccio dell’autista, ma per questioni di sicurezza. Se non siamo noi a fare la selezione, ci penserà la polizia stradale al primo controllo. Nel malaugurat...