di Gianluca Celentano

Qui si rischia di alzare un polverone parlando di ferie. Sento già le voci di coloro che urlano che i problemi sono solo gli stipendi i quali, se corrisposti, non placherebbero comunque il tema ferie. Le ferie estive sono la pausa da dedicare alla famiglia e a se stessi e il mese di agosto, è un po’ meno gettonato di luglio perché si lavora con meno traffico. Aspetto importante per chi fa extra. Qualche collega invece sceglie un periodo più economico durante l’anno, magari per raggiungere la calorosa e misteriosa Cuba.

Ferie respinte?

Su questo aspetto i più fortunati, se così si può affermare, sono gli autisti Gt che osservano un drastico calo del lavoro proprio nei periodi estivi. I colleghi di linea devono invece continuare a “girare” osservando solo turnazioni “più morbide” nei periodi di vacanza. Avere una risposta negativa è da preventivare e bisogna essere pronti al piano B per  rilanciare con altri giorni.

Fare delle turnazioni è la scelta più logica, ma anche la meno digerita dagli autisti quando la valutazione del periodo è alternata di anno in anno. Gli uffici orari diventano il mostro cattivo e senza cuore e più di un conducente cerca la strada “della mediazione” cercando di entrare nelle grazie di qualche impiegato. Qualcuno ci riesce davvero bene. È anche vero che la parola meritocrazia non è del tutto affermata in molte realtà dove, per evitare sorprese in epoca di carenza autisti, si cerca di accontentare senza soffermarsi troppo sul profilo lavorativo del singolo collega. Se chiedi devi anche dare e saper fare, concetto logico che molti by-passano.

A proposito di meritocrazia (e traffico), la mini-video intervista realizzata da Gianluca Celentano a un collega:

Avere la possibilità di riformare il settore, come mi auguro stia avvenendo, non deve impedire di provare sin da subito a cercare soluzioni condivise. 

Se tutto fosse a regime…

Certamente con più autisti e risorse economiche nel comparto (e forse un po’ meno investimenti sugli EV), alcuni aspetti avrebbero risposte più immediate. Sul piazzale di Lambrate un padroncino, rimasto a bordo sul bus e che si raccomanda di rimanere anonimo, dice convinto: se ci fossero meno società e un lavoro condiviso e regolamentato, quindi anche con prezzi prestabiliti, avremmo risolto buona parte dei problemi, anche di turni e ferie. Capisco che il parallelo lo sta facendo con la holding dei taxi benché nella Ue ci siano già grossi colossi del trasporto-persone, che rappresentano le colonne portanti ed economiche del comparto, attivi in questo senso.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sicurezza a bordo: regole e responsabilità nei viaggi in bus

di Gianluca Celentano, conducente bus A bordo dovremmo saperlo tutti: è vietato imbarcare valigie, zaini o borse voluminose, e questo non per capriccio dell’autista, ma per questioni di sicurezza. Se non siamo noi a fare la selezione, ci penserà la polizia stradale al primo controllo. Nel malaugurat...