di Gianluca Celentano

Abbiamo ampiamente fatto notare che non tutte le zone turistiche o le città possiedono spazi idonei per la sosta dei bus e il relax degli autisti. Varrebbe la pena di pensare a vere e proprie autostazioni? Purtroppo in molte località i parcheggi per gli autobus sono un puro miraggio e quando trovi uno spazio raggiungibile con acrobatiche manovre, c’è il rischio che qualcuno si lamenti per la tua presenza.

Sicuramente vi sarà capitato molte volte di vedere eleganti torpedoni in sosta, magari sfortunatamente sotto il sole, in spiazzi privi di alberi e di aver notato le bagagliere aperte.

Individuare un punto

In effetti, già dal mese di maggio rimanere a bordo del bus in sosta sotto il sole è impossibile. Lasciare il motore acceso con il clima inserito è coerentemente vietato e non esiste un clima elettrico supplementare per questa evenienza tutt’altro che rara. La ricerca di un posto idoneo non è semplicissima ed è da preventivare che qualcuno possa lamentarsi per la presenza del bus, anche se a motore spento.

L’autista quindi ha, come unico rifugio, la bagagliera opportunamente aperta da ambo i lati per far circolare l’aria. Ma non basta, meglio parcheggiarsi l’uno vicino all’altro per creare dell’ombra derivante dalle alte fiancate.

Organizzazione personale

Mi è capitato, durante le lunghe soste in condizioni di caldo afoso, di dovermi portare dietro un piccolo cambio d’abito. Ciabatte, canottiera e pantaloncini, un asciugamano da mare e un cuscino gonfiabile; questi gli accessori indispensabili per trasformare la superficie della bagagliera in un accettabile spazio relax. Va da sé che anche la pulizia della bagagliera è un particolare da non trascurare durante le rullate saponate settimanali al nostro autobus. 

Tra le necessità dell’autista c’è anche quella della tranquillità, aspetto già affrontato, il che significa consentirgli di riposare in pace e possibilmente senza continui rumori molesti. Anche questo è un contributo verso la sicurezza, che oserei definire, sicurezza attiva.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sicurezza a bordo: regole e responsabilità nei viaggi in bus

di Gianluca Celentano, conducente bus A bordo dovremmo saperlo tutti: è vietato imbarcare valigie, zaini o borse voluminose, e questo non per capriccio dell’autista, ma per questioni di sicurezza. Se non siamo noi a fare la selezione, ci penserà la polizia stradale al primo controllo. Nel malaugurat...