di Gianluca Celentano

Sono le 7 e 30 di lunedì e sto percorrendo la tangenziale est di Milano alla guida di un autobus. Nonostante il contesto della vita dell’autista sia fin troppo dispersivo, voglio analizzare il traffico concentrandomi sui movimenti degli altri veicoli. Mi accorgo che il traffico è aumentato di poco rispetto al passato, almeno dagli ultimi dieci anni. È invece solo peggiorato. Il clima socio-politico in molti casi avvertito come ostico, sembra si riversi anche nel comportamento interpersonale degli altri utenti della strada, provocando azzardi nelle manovre e generando poco o pochissimo altruismo verso gli altri utilizzatori. Fermarsi e dare la precedenza può significare farsi tamponare.

La tangenziale

L’uso corretto delle corsie è il primo particolare che balza all’occhio, le auto sono distribuite su tutte e tre le corsie della tangenziale, dove ti aspetteresti maggior traffico in quella esterna, un po’ meno nella centrale e più scorrevole quella interna. Proprio in quella interna si alternano veicoli che prendono velocità per poi decelerare. All’improvviso l’automobilista davanti a loro, per cambiare corsia frena senza motivo e non mette la freccia. Una “fisarmonica” che si ripercuote per qualche chilometro indietro e non sai chi ringraziare per l’inutile rallentamento. Puoi solo aumentare la distanza di sicurezza avendo il buonsenso di viaggiare ben sotto al limite di 90 km/h previsto in  tangenziale per le autovetture, 80 per i bus. Una quarta corsia sarebbe utile ma è l’educazione stradale che manca.

Un’utilitaria in corsia centrale cerca di superarmi a sinistra, capisco che potrebbe accelerare di più ma non lo fa, la guida è incerta, primo campanello d’allarme. Alzo il piede dall’acceleratore e via, l’auto sfila e gli facilito l’operazione. Appena l’incerto automobilista si posiziona poco dopo il mio posto di guida, avviene quello che per l’autista è una normale seppur pericolosa abitudine. L’auto vira a destra tagliandomi la strada per uscire dalla tangenziale. Inutile suonare le trombe o arrabbiarsi, è consuetudine; ti chiedi perché non abbia rallentato per tempo senza azzardare un sorpasso, posizionandosi dietro al bus – come da codice – per poi utilizzare la corsia di decelerazione e uscire.

I retrovisori

Gli specchietti esterni sono un optional, soprattutto il destro. Molti sono convinti che osservare il traffico dietro di loro con il solo specchio centrale interno, sia più che sufficiente per condurre un veicolo. Il clacson prende il posto dei freni e sembra che le manovre siano concesse “a fortuna”: se va bene okay, altrimenti mi suonano e io freno di colpo. Abbiamo visto cosa succede quando si frena senza motivo…

Le auto a noleggio giornaliero sono generalmente più a rischio di quelle di proprietà. Qui l’automobilista è potenzialmente un soggetto che guida ogni tanto e magari non conosce il traffico della tangenziale milanese.

C’è poi una percentuale, per fortuna limitata, di automobilisti che cerca l’aerodinamicità… Quelli che chiudono gli specchietti laterali con un click. Quando li intercetti devi stare alla larga perché gli spostamenti non sono prevedibili e ti finiscono sulle bagagliere.

Passatempo

Dall’alto del posto guida vedi tutto e la privacy dell’automobilista è compromessa facendo scoprire le abitudini di tanti insospettabili trasgressori delle regole. C’è chi chatta, chi è in video-chiamata, chi legge le ultime news. Strano? No fidatevi, è realtà. Sono gli stessi che al verde semaforico non partono subito perché distratti dal cellulare.

I furgonari sono una simpatica categoria, ma sono le dimensioni il problema. Escludendo quelli che con solerzia seguono le regole, molti si trovano alla guida di grossi veicoli che conducono (male) con la disinvoltura di un’automobile. Beh, non è colpa loro, hanno una patente B, ma anche poca consapevolezza sulle masse. Un giorno durante una violenta decelerazione, un furgone dalle sembianze di un vero e proprio autocarro, ha inchiodato i freni bloccando tutte e quattro le ruote – che fumavano – mettendosi di traverso. Fortuna vuole che il conducente ha rilasciato il freno facendo stabilizzare il mezzo e riprendendo la marcia.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sicurezza a bordo: regole e responsabilità nei viaggi in bus

di Gianluca Celentano, conducente bus A bordo dovremmo saperlo tutti: è vietato imbarcare valigie, zaini o borse voluminose, e questo non per capriccio dell’autista, ma per questioni di sicurezza. Se non siamo noi a fare la selezione, ci penserà la polizia stradale al primo controllo. Nel malaugurat...