Il trasporto pubblico rappresenta una risorsa per lo sviluppo dei territori, sia in termini di servizi forniti, sia per il valore economico, sociale e ambientale che è in grado di produrre. In occasione della presentazione della settima edizione del proprio Bilancio di Sostenibilità – dichiarazione non finanziaria ai sensi del D.Lgs. 254/2016, documento di trasparenza e responsabilità sociale definito in coerenza con gli obiettivi internazionali e nazionali dell’Agenda 2030 – Tper illustra la propria esperienza di società per azioni a capitale interamente pubblico che opera in regime di mercato. Tper, infatti, è oggi la maggiore azienda di trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna e svolge attività di mobilità integrata secondo un modello gestionale imprenditoriale; l’azienda si configura inoltre come Ente di Interesse Pubblico, avendo emesso titoli obbligazionari quotati su mercati regolamentati.

Bilancio di sostenibilità Tper, risultati, impegni e sfide per il futuro

Tper gestisce il trasporto pubblico locale su gomma a Bologna e Ferrara in partnership con soggetti privati secondo una consolidata operatività, il servizio ferroviario regionale insieme a Trenitalia attraverso la società collegata TrenitaliaTper ed altre attività di servizio alla mobilità.

Tper, una holding operativa

Tper si configura come una holding operativa, essendo a capo di un gruppo di imprese che conta complessivamente 2.486 dipendenti, il 98% dei quali a tempo indeterminato, a conferma della stabilizzazione delle professionalità. Tra le principali controllate figurano Dinazzano Po, azienda di trasporto ferroviario merci, e Ma.Fer, specializzata nella manutenzione dei treni; oltre al perimetro di consolidamento di gruppo, Tper, inoltre, è il principale azionista di Seta, azienda di tpl di Modena, Reggio e Piacenza, e possiede partecipazioni in Start, l’omologa azienda di trasporti della Romagna, in una logica industriale e di sinergie operative che risponde alle linee di indirizzo espresse dai soci proprietari.

Valore della produzione è di 220,6 milioni di Euro,

L’ultimo bilancio consolidato del gruppo Tper, il cui valore della produzione è di 220,6 milioni di Euro, ha chiuso con un utile netto di 3,6 milioni seppur in un esercizio segnato pesantemente dagli effetti della pandemia che perdurano tuttora.  La domanda di mobilità ha subito una comprensibile flessione date le limitazioni agli spostamenti e alle capienze consentite dei mezzi nel 2020, ma i viaggi effettuati sui bus Tper hanno superato comunque i 101 milioni, a conferma di un’affezione ai servizi che si mantiene molto alta tra i cittadini-utenti.

Tper ha una delle flotte più green d’Italia

L’attenzione al servizio si è concretizzata attraverso molte azioni, tra cui un deciso ammodernamento della flotta puntando sull’ecocompatibilità: oggi Tper ha una delle flotte più green d’Italia, come testimoniano i recenti dati diffusi dall’ISTAT secondo cui, tra i capoluoghi di città metropolitana, la quota più elevata di autobus a basse emissioni si rileva a Bologna (67,4%, con un 9% di bus elettrici o ibridi). Il rinnovo del parco veicolare di Tper mira all’ottimizzazione della sostenibilità ambientale in ogni profilo di missione, puntando su mezzi a trazione elettrica nelle diverse declinazioni in area urbana, sul metano liquido in ambito extraurbano (è questa la modalità di trazione oggi più ecologica su lunghe percorrenze, di cui Tper è stata apripista in Europa, con grande seguito) oltre che, in prospettiva di un futuro sempre più prossimo, anche su bus a idrogeno verde per sviluppare in questa direzione nel medio periodo la sua flotta. In questo ambito, l’interesse di Tper è forte anche nel coinvolgimento in progetti di economia circolare del territorio, così come per i biocarburanti sostenibili.  La transizione ecologica per Tper non è un progetto futuro, bensì un percorso già avviato con decisione affinché – con orizzonte 2030 – tutto il servizio urbano di Tper sia fossil-free: un obiettivo sfidante ma perseguito con grande impegno da parte dell’Azienda e dalle politiche degli Enti locali e territoriali.

Solidità aziendale, alla sana e prudente gestione

La priorità dell’emergenza sanitaria e le conseguenze – anche economiche – che anche Tper ha registrato non hanno però avuto riflessi negativi sulle strategie e sull’ammontare degli investimenti, che sono stati rilevanti, sia nel rinnovo dei mezzi, sia nell’innovazione digitale. Ciò grazie alla solidità aziendale, alla sana e prudente gestione consolidata negli anni e alle competenze sviluppate per gestire ed attuare programmi a lungo termine, oltre alle disponibilità e alle scelte di cofinanziamento previste dalle politiche pubbliche.

Tper, un piano di investimenti triennale 2021-2023

Nel 2020 sono stati realizzati investimenti per 29,8 milioni di euro ed è ora in corso un piano di investimenti triennale 2021-2023 molto sfidante e coerente con le linee guida del sistema istituzionale territoriale in tema di innovazione dei servizi di mobilità e di sviluppo del territorio nel rispetto della sostenibilità ambientale ed energetica, economica e sociale. Tper prevede un valore complessivo di investimenti di oltre 190 milioni, di cui oltre 50 coperti con autofinanziamento.

Mobility as a Service (MaaS), al centro delle politiche ministeriali

Gli investimenti riguardano anche lo sviluppo di sistemi innovativi a vantaggio dell’utenza. Uno di questi è Roger, l’applicazione multifunzione – progettata da Tper e prodotta con un partner industriale insieme alle altre tre aziende di trasporti pubblici della Regione Emilia-Romagna – che riunisce in sé infomobilità ed e-ticketing sposando appieno il concetto di Mobility as a Service (MaaS) che è al centro delle politiche ministeriali per una nuova mobilità che mette al centro le esigenze dell’utente dei servizi. Un’altra innovazione di grande impatto per gli utilizzatori dei mezzi pubblici è stata l’attivazione, su tutti i bus urbani, del pagamento contactless con carte bancarie a microchip, grazie anche ai finanziamenti regionali.  

Tper gestisce con i partner Cosepuri e Saca

In ottica di intermodalità, nonostante la pandemia, il 2020 ha visto garantire i piani di sviluppo del car sharing 100% elettrico Corrente, che Tper gestisce con i partner Cosepuri e Saca, e che oggi conta 30.000 iscritti e un apprezzamento per la versatilità e la crescente attenzione per la mobilità a zero emissioni. L’attenzione alla responsabilità sociale si esplica anche attraverso una politica attenta di valorizzazione del personale, la principale risorsa di Tper, a cui dedica un notevole impegno formativo che nel 2020, nonostante la pandemia, si è concretizzato in oltre 45.000 ore di formazione, di cui oltre 6.000 riguardanti la sicurezza sul lavoro. L’emergenza sanitaria non ha impattato sulle politiche occupazionali: nel 2020 sono stati assunti 146 dipendenti.

Accordi con le OO.SS. su diversi aspetti del lavoro,

Nell’ambito di relazioni industriali positive, il 2020 ha visto anche la condivisione di una ventina di accordi con le OO.SS. su diversi aspetti del lavoro, in prosecuzione di un proficuo percorso che in questi anni ha visto consolidare, in un intenso e franco confronto, intese contrattuali per riconoscimenti economici ai lavoratori, sia per la parte fissa che per quella dei sistemi premianti collegati ai risultati aziendali, per l’introduzione di un sistema di welfare aziendale per tutte le categorie di dipendenti con l’obiettivo di offrire specifici pacchetti di beni e servizi, previsione di forme di lavoro innovative, per alcuni specifici settori, per agevolare la conciliazione dei tempi di vita con i tempi di lavoro nella prospettiva di incrementare il benessere dei dipendenti.

Tper rappresenta un presidio di pari opportunità

Le politiche di remunerazione del personale hanno l’obiettivo di garantire equità, adeguatezza al ruolo, alla professionalità e alle capacità individuali e – quanto al recepimento di uno degli obiettivi di sostenibilità (SDGs) previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite – Tper rappresenta un presidio di pari opportunità: una realtà produttiva in cui non esiste divario retributivo di genere: a parità di ruolo e anzianità, non ci sono differenze di retribuzione fra uomini e donne, né criteri diversi di definizione dei premi aziendali.

Il valore esteso di Tper e le esternalità positive per il territorio

L’erogazione di servizi essenziali riveste già di per sé un’attività importante; in aggiunta, Tper crea ulteriore valore per le comunità servite. Come riportato nel Bilancio di Sostenibilità, l’impatto economico generato dalle attività del gruppo nel evidenzia la creazione di valore aggiunto per il territorio di circa 200 milioni euro. Quanto all’indotto positivo sull’occupazione, agli occupati nel gruppo Tper, si aggiungono ulteriori 870 posti di lavoro nelle attività connesse alla catena di fornitura. L’attività diretta e indiretta di Tper vale, quindi, complessivamente oltre 200 milioni di euro e più di 3.300 posti di lavoro, anche nella grave crisi di contesto del 2020.

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati

Ferrovie della Calabria presenta la nuova flotta di 24 bus

Ferrovie della Calabria ha presentato a Catanzaro la nuova flotta di 24 autobus per il trasporto pubblico locale. Alla presentazione dei mezzi, avvenuta nel piazzale della sede della Regione, hanno partecipato il governatore Roberto Occhiuto, l’assessore regionale alla Mobilità Fausto Orsomars...
Tpl