La Baschetti Autoservizi opera dal 1922 nel settore degli autotrasporti. Paolo Baschetti, titolare assieme al cugino Michele della sede di Sansepolcro, ha rilasciato un’intervista al giornale locale in cui ha raccontato gli effetti della pandemia sull’attività dell’azienda.

Autoservizi Baschetti, gestire un’impresa di trasporti in tempo di pandemia

La Baschetti Autoservizi si occupa dal 1922 del trasporto di persone in regime di concessione statale, e con accordi di servizio per la gestione di autolinee regionali e provinciali a carattere locale. Opera anche nel settore noleggio autobus con conducente.

Paolo Baschetti gestisce la sede di Sansepolcro insieme al cugino Michele Baschetti e ai rispettivi figli, Giacomo e Leonardo. Durante un’intervista al giornale locale Saturno Notizie, ha raccontato come la pandemia ha impattato sulla gestione della sua impresa, tra l’azzeramento dei servizi turistici e la riduzione delle linee di trasporto pubblico.

Secondo l’imprenditore, le disposizioni rese obbligatorie dall’emergenza, nonostante abbiano penalizzato il settore dei trasporti, potrebbero tornare utili anche con il ritorno alla normalità. “L’utilizzo dei dispositivi di protezione da parte delle persone, la capillare sanificazione degli ambienti ci hanno abituato a un regime che ritengo debba essere mantenuto anche dopo il ritorno alla normalità; sotto questi aspetti la pandemia lascerà abitudini che per noi cittadini dovranno diventare ordinarie”.

Per quanto riguarda le riaperture, Paolo Baschetti si dice cautamente ottimista. “Penso che se entro maggio il 50% della popolazione dovesse essere vaccinata, un piccolo accenno alla ripresa potrebbe esservi in giugno”.

L’obiettivo della Baschetti Autoservizi, ora, con l’allentamento delle restrizioni dovute alla pandemia, è riprendere il servizio per la riviera adriatica in luglio, almeno nel fine settimana e fino alla fine dell’estate. “Se poi vi fossero le premesse” – conclude Baschetti – “la nostra organizzazione è talmente elastica che il potenziamento dei servizi non sarebbe un problema: siamo in grado di farlo con immediatezza, con le dovute autorizzazioni ministeriali.

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...