Continua il piano di ammodernamento del parco mezzi di Autolinee Toscane, nello specifico delle macchine impiegate nel pisano: sono entrati infatti in flotta due nuovi autobus. Si tratta di Otokar modello Vectio C, motorizzati diesel standard Euro 6.

Gli autobus made in Turchia sono lunghi 9 metri e hanno una capacità di 52 passeggeri (18 in piedi e 34 seduti). Grazie alla doppia porta centrale, al pavimento ribassato e alla pedana manuale per le persone disabili hanno un accesso facilitato che li rende particolarmente alle tratte urbane e suburbane.    

Come per tutti i mezzi della flotta di Autolinee Toscane è stato installato il sistema AVM per il controllo da remoto della flotta, la videosorveglianza di bordo, l’ausilio non vedenti per assistenza alle fermate, obliteratrice e validatrice. 

«Si tratta di una risposta concreta per svecchiare il parco mezzi ereditato, frutto della programmazione e del nostro piano di investimenti che per Pisa e la sua provincia prevede, entro la fine di questo anno, l’arrivo di ulteriori circa 50 nuovi mezzi, così da garantire un importante abbassamento dell’età media del parco circolante – spiega il presidente di Autolinee Toscane, Gianni Bechelli -. Poi entro la fine del 2025 porteremo in Toscana circa 700 nuovi autobus, così da dimezzare l’età media dei mezzi in servizio per il tpl».

A oggi, quindi, il parco mezzi a disposizione delle tratte urbane ed extraurbane del territorio di Pisa può contare su 38 autobus nuovi.  

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl