Autoguidovie investe sui sistemi di videosorveglianza, rivelandosi nuovamente sensibile e attenta alla sicurezza dei propri viaggiatori. Proprio grazie alle telecamere di boro, infatti, è stato possibile individuare l’uomo che da anni compiva atti di autoerotismo sugli autobus davanti a minori.

Autoguidove, la videosorveglianza fattore chiave per la sicurezza a bordo

Il 12 maggio scorso, grazie all’attiva collaborazione tra Autoguidovie e il Comando Carabinieri di Carate Brianza, si è proceduto alla segnalazione a tutto il personale viaggiante dell’area nord (impegnato sulla linea Z221 che collega Monza a Carate) esortandolo a richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine per l’identificazione dell’uomo.

«A seguito di un segnalazione il Comando dei Carabinieri ha richiesto l’acquisizione dei filmati del bus» – spiega l’Azienda – «ci siamo così mobilitati scaricando i filmati e recapitandoli agli organi competenti» fino all’individuazione e denuncia dell’uomo.

Si tratta dunque di un ulteriore tassello in materia di sicurezza per Autoguidovie: «La sicurezza dei nostri conducenti e passeggeri» – dichiara l’Azienda – «è al centro della nostra azione quotidiana. Autoguidovie, da anni, infatti, investe risorse rilevanti per i sistemi di videosorveglianza a bordo bus».

Autoguidovie è stata tra le prime aziende in Italia a dotare i mezzi di sistema integrale di videosorveglianza: 5 telecamere sui veicoli “tradizionali” e 6 videocamere sui veicoli “autosnodati” in grado di riprendere in modo dettagliato e continuo ciò che avviene a bordo dei mezzi.

Tali videocamere vengono montate da Autoguidovie durante la fase di allestimento dei bus prima della loro immatricolazione e garantiscono la piena visione dell’interno del mezzo al fine di contrastare illeciti di qualsivoglia natura durante il servizio.

Inoltre, tra il 2018 e il 2019 sono state installate telecamere di analoga tipologia anche sui veicoli già in dotazione, arrivando a coprire l’intera flotta di bus “autosnodati” in servizio nel Comune di Monza e nella Provincia di Monza e della Brianza.

Autoguidovie, come funziona la videosorveglianza di bordo

In materia di privacy, gli impianti di videosorveglianza memorizzano le immagini riprese per 7 giorni su disco fisso montato “in locale” posto a bordo di ogni veicolo, a disposizione per eventuali richieste da parte delle Forze dell’Ordine. Per gli stessi motivi di privacy anche i lavoratori dell’azienda non vengono ripresi, ma inquadrata l’area attorno ad essi per motivi di deterrenza da aggressioni.

Inoltre, è presente un pulsante di emergenza a disposizione dei conducenti che permette di congelare le immagini in caso di evento illegale per una successiva analisi.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...

A Lecce 13 nuovi autobus Euro6 per il trasporto pubblico

A Lecce sono appena stati consegnati alla sede di Sgm, pronti per entrare in servizio, i 13 nuovi autobus Euro6 diesel acquistati grazie alle risorse erogate dalla Regione Puglia con il bando Smart Go City per l’ammodernamento del parco mezzi del Trasporto pubblico locale. I nuovi autobus andranno a...
Tpl

Controlli intensivi sugli autobus Amt: su almeno 1000 passeggeri

In centro città a Genova, sugli autobus Amt, i controlli si susseguono intensivi per verificare eventuali evasioni. Una squadra di ben 13 Verificatori Titoli di Viaggio di AMT è scesa infatti in campo in piazza della Nunziata per controllare le linee 18, 20, 34, 35, 39, 40 e la linea F2, servizio so...
Tpl