Cinque autobus elettrici per Bruxelles. Il bando di gara pubblicato nel giugno 2016 dalla Société des transports intercommunaux della capitale belga (Stib) ha completato il suo corso: a scendere in strada sarà il Bluebus di Bollorè. Il veicolo, come da prescrizioni del bando avente ad oggetto un accordo quadro quadriennale, è a ricarica notturna (senza pantografo).

Le batterie? Una tecnologia francese

L’autobus elettrico Bluebus uscito dalla fucina di Bollorè è equipaggiato con 8 batterie Lithium Métal Polymer (Lmp), tenute alla giusta temperatura attraverso un sistema di raffreddamento interno ad aria e in grado di contenere 240 kWh. Progettato e prodotto da Blue Solutions (Bolloré Group), il Bluebus, che ha preso parte all’edizione 2016 dell’Ebus-test promosso dalla rivista tedesca Omnibusspiegel, offre un’autonomia minima di 180 km, permettendo così di circolare per un intero giorno senza dover ricaricare. Grazie alla tecnologia Lmp, le batterie sono installate sul tetto, rendendo più facile per le persone a mobilità ridotta l’utilizzo di un pavimento piano e basso. All’interno trovano posto fino a 97 persone, 28 sedute e 69 in piedi.

L’autobus elettrico opzionato da Ratp

Sotto il cofano, nella versione all’opera durante il test drive tedesco, opera il motore Siemens 1DB2016 sincrono a magneti permanenti. La sala macchine è in grado di sviluppare una potenza continuativa di 160 kW a una coppia permanente di 973 Nm. La coppia massima è di 2.500 Nm. Al posteriore lavora il gettonato asse Zf Av 132. Niente pantografo, il bus si ricarica nottetempo in 5 ore attraverso plug-in, e può percorrere ad ogni carica un range compreso tra 180 e 250 chilometri. Il mezzo è operativo a Parigi nella disponibilità di Ratp.

La prima volta fuori dalla Francia

«Oggi abbiamo più di 200 veicoli Bluebus (6 e 12 metri) in Francia, ma questa è la prima volta che il nostro modello da 12 metri viene esportato al di fuori delle nostre frontiere – ha affermato Marie Bolloré, Direttore Generale di Blue Solutions -. Siamo lieti di essere stati scelti da Stib ed essere in grado di fornire ai nostri autobus di fabbricazione francese a Bruxelles, nel cuore dell’Europa, e molto orgogliosi di sostenere loro in questa iniziativa ambientale». Bruxelles, la seconda capitale europea dopo Parigi per accogliere gli autobus elettrici del gruppo Bolloré, dovrebbe essere dotata inizialmente di 5 Bluebus. Il primo Bluebus 12 metri dovrebbe essere consegnato nel 2018.

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati

Karsan, due e-Atak per la flotta Amaco e il tpl di Cosenza

Sono finalmente arrivati a Cosenza, in ritardo di sette mesi rispetto ai tempi di consegna originari, i primi due autobus elettrici per Amaco, targati Karsan. Si tratta di midibus lunghi 8 metri e capacità massima di 52 passeggeri e autonomia di 300 chilometri, ai quali si dovrebbero aggiungere 20 m...

Vicenza sceglie i LightTram Hess: le prime consegne nel 2027

Vicenza ha fatto la sua scelta: Hess. Sarà infatti il costruttore svizzero, con sede a Bellach, a fornire a SVT di Vicenza 16 bus elettrici, che saranno acquistati grazie ad un contribuito di 19 milioni di e concesso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Le consegne inizieranno ad otto...