Rinviato il cambio al vertice per mancanza del numero legale, Bruno Rota resta al timone. I dati del 2016 parlano di un utile record di 40 milioni. Avrebbe dovuto svolgersi ieri sera l’assemblea del ricambio nel cda della municipalizzata del trasporto pubblico di Milano. Peccato che tre membri su cinque del collegio sindacale, tra cui proprio Rota, in piena rotta di collisione con l’amministrazione, non si siano presentati.

La fine della parabola di Rota

Per la nomina bisognerà attendere 48 ore. I nomi ci sono già, usciti dal bando pubblicato dal Comune a febbraio. Sono Oliviero Baccelli, Fabrizio Barbieri, Luca Bianchi, Clara De Braud ed Elisabetta Pistis. Rota non potrà rimanere al vertice: ha alle spalle due mandati, non può correre per il terzo. La fine della sua parabola alla guida di Atm è accompagnata dagli strascichi polemici relativi alla nota vicenda M5: Rota avrebbe voluto che il Comune esercitasse la prelazione sulle quote vendute da Astaldi e fermasse così l’ingresso di Fs nella lilla, il sindaco Beppe Sala ha preferito il non intervento.

2016, annata record per Atm

Intanto sono stati illustrati i dati della gestione 2016 di Atm. L’annata si è chiusa con un utile record di 38,8 milioni di euro e una posizione finanziaria netta attiva per 250 milioni. I numeri mostrano una significativa crescita: l’utile dell’anno precedente era stato di 25,8 milioni (un aumento del 50 per cento). I motivi del miglioramento? «L’attento controllo della struttura complessiva di costo», afferma una nota dell’azienda, che ha consentito di ottenere una diminuzione dei costi operativi superiore in proporzione alla contrazione dei ricavi, in quanto i proventi non usuali legati al semestre Expo sono stati compensati con crescita del fatturato ma non di pari importo. I costi operativi risultano pari a 832,7 milioni. Il margine operativo lordo (Mol), pari a 164 milioni di euro, rimane sostanzialmente invariato (+0,4%).

Tutte le partecipate di Atm in positivo

Le società del gruppo Atm hanno contribuito al risultato positivo: tutte le partecipate hanno ormai raggiunto una consolidata situazione di equilibrio economico, superando la critica situazione di pochi anni fa. In particolare, un importante contribuito deriva dalla performance della partecipata danese Metro Service A/S, che all’inizio del 2016 si è aggiudicata la gestione delle due nuove linee della metropolitana di Copenaghen. I prossimi mesi saranno decisivi per il futuro dell’azienda, presto alle prese con le complesse dinamiche della gara di servizio.

 

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Federtrasporto, al via i tavoli sulle criticità del comparto

«Le avversità che stanno colpendo il settore dei trasporti e della logistica devono essere lo stimolo per trovare al più presto delle soluzioni vincenti», così Paolo Colombo, presidente di Federtrasporto, lancia l’apertura dei tavoli della federazione nazionale dei sistemi e delle modalità di ...

Daimler Buses, 11 Mercedes Benz Citaro K Compact Hybrid per Bari

Undici Stelle ibride per il trasporto pubblico locale di Bari. Dopo la consegna risalente al settembre 2020, Amtab (Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bari) ha scelto ancora una volta Daimler Buses, aggiungendo 11 Citaro K Compact Hybrid per proseguire nel piano di rinnovamento della flot...