Atm, il Comune ci ripensa. Prima i draconiani tagli alle linee del trasporto pubblico (sia di superficie che della metropolitana), ora il dietro front. La nuova organizzazione del tpl milanese mollerà gli ormeggi lunedì 4 settembre: è previsto un milione di chilometri in più.

I bus notturni uniche vittime

La nuova organizzazione delle linee milanesi lascia fuori gli autobus notturni: per quelli nessuna retromarcia, le cancellazioni rimangono effettive. Il resto delle linee è stato oggetto di una corposa revisione, frutto della pioggia di polemiche piovute sull’amministrazione in seguito al ridimensionamento attuato tra gennaio e la primavera, al ritmo di soppressioni e riduzione degli orari (orari di punta accorciati, venti linee di autobus tagliate, lo slogan «più autobus in periferia» a discapito dei tagli nel centro storico). Soddisfatti? Pochissimi. Tant’è che l’altro ieri, lunedì, palazzo Marino dirama una nota che sancisce il ritorno allo status quo ante. Ovvero, alla situazione precedente al rimescolamento di carte avvenuto negli ultimi mesi. Con qualche novità.

Linee Atm riorganizzate

Nella riorganizzazione, riassunta dal Corriere della Sera, spiccano modifiche per i bus «45» (collegherà i quartieri Forlanini, Argonne e Acquabella con Città Studi e il nuovo capolinea di Lambrate), «47» (da piazza Ponti si correrà per via Santa Rita, viale Faenza e via Chiodi prima di riprendere il solito percorso), «70» (si allunga fino a Monumentale M5), «77» (si prosegue fino piazzale Lodi), «82» (si arriva a Zara). Sarà istituita una nuova linea bus, la 35, che collegherà i quartieri di Cascina Merlata e Certosa con la M1 a Molino Dorino. Migliorano anche le frequenze di tram e metropolitane. «È un piano di potenziamento voluto da Comune e Atm — afferma Marco Granelli — anche in risposta alle richieste di cittadini, municipi e consiglieri». Un passo verso quel 57 per cento di cittadini milanesi che utilizza abitualmente autobus, metro e tram per spostarsi.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl