BTu5CfmCUAA9VV5

Il Consiglio comunale ha approvato settimana scorsa il nuovo contratto di servizio per il trasporto pubblico della capitale, affidandolo nuovamente ad Atac fino a dicembre 2019, con nuove linee guida che puntano al miglioramento del servizio. L’azienda dovrà impegnarsi ad aumentare i ricavi da traffico e parallelamente ostacolare l’elusione del pagamento dei titoli di viaggio, migliorando e potenziando l’accessibilità dei punti vendita. La delibera prevede inoltre la riduzione degli incarichi esterni, l’aumento della produttività, il blocco del turn-over, il miglioramento dell’accessibilità per disabili e l’implementazione del sistema di monitoraggio dei veicoli (AVM).

Tanti begli obiettivi che difficilmente saranno raggiunti. Atac ha infatti rinviato l’approvazione del bilancio 2014 per evitare di dichiarare default tecnico. Le casse dell’azienda sono in rosso dal 2008 e la perdita di esercizio negli ultimi cinque anni ha superato il miliardo di euro. Sommando le perdite del 2013 (219 milioni) a quelle del 2014 (141 milioni) e a quelle del primo semestre 2015 (58 milioni), Atac ha di fatto azzerato il proprio patrimonio aziendale, condizione per cui va dichiarato fallimento. Una situazione difficile, dove manca ormai liquidità di cassa anche solo per le piccole riparazioni.

In questa difficile e complicata situazione Atac si prepara alla (famosa) gara dei 700 autobus. Un tender che presenta molti elementi discutibili a cominciare dalla scelta del lotto unico (ricordiamo che ci sono due tipologie di veicoli) e dallo strumento finanziario, il leasing appunto. Settimana scorsa la stessa Atac ha chiamato a rapporto i maggiori costruttori di autobus spronandoli a fare un’offerta. È possibile che la gara dell’anno andrà deserta? Il mercato scommette di no. Però la prima proroga è già partita. La scadenza è stata rimandata dal 15 al 30 di luglio. La prima di una lunga serie? Una cosa è certa: sarà un’estate calda.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Trotta Bus: Romana Diesel consegna Evadys e Indcar Mobi

Cospicua consegna Iveco Bus per Trotta: 12 Evadys e 19 Indcar Mobi su telaio Daily per il trasporto scolastico. Romana Diesel ha portato recentemente a compimento la prima tranche di consegne di bus destinati allo storico marchio del trasporto persone. Gli scuolabus sono stati acquistati a seguito d...

Tpl Linea approva il piano industriale

L’assemblea dei soci di Tpl Linea, azienda del trasporto pubblico locale in provincia di Savona, ha dato il via libera al Bilancio di esercizio 2021 che chiude in utile nonostante il periodo pandemico e ha approvato l’aggiornamento del Piano industriale, atto primario per procedere con l...