“Noi siamo per il rispetto delle regole e quindi ben vengano i controlli effettuati dal Comando dei Carabinieri per la tutela della salute. Le imprese del trasporto pubblico con autobus stanno compiendo sforzi enormi, con grande senso di responsabilità, mettendo in campo tutte le risorse e le professionalità a disposizione per offrire a tutti un trasporto sicuro”. Così Giuseppe Vinella presidente di ANAV, l’Associazione di settore aderente a Confindustria.

Anav

Anav, le aziende in prima linea

“Sin dal principio dell’emergenza epidemiologica – prosegue Vinella – le nostre imprese si sono scrupolosamente attenute alle misure di contrasto e contenimento del virus stabilite, mettendo in atto i protocolli e osservando le linee guida indicate, tra le quali l’obbligo di disinfezione e sanificazione dei mezzi di trasporto. Tutto questo grazie a risorse rilevanti in un contesto economico e finanziario fortemente provato dagli impatti della pandemia. Ma in questo clima di “caccia al virus”, non possiamo che essere più che favorevoli ai controlli, serviranno a rassicurare tutti e a provare che non c’è da demonizzare il tpl.

Anav, li dati dei Nas

E sono gli stessi dati forniti dai NAS a parlare: su 756 tamponi di superficie eseguiti, 724 di questi (il 96%) si sono rilevati privi di ogni traccia mentre sono stati rilevati solo 32 casi (il 4%) di presenza di materiale genetico del virus sulle superfici dei mezzi, senza che questa circostanza sia indice di effettiva vitalità dello stesso, come precisato nella medesima nota stampa del Comando dei Carabinieri.

Gli studi scientifici

Studi scientifici a livello nazionale e internazionale hanno d’altronde dimostrato che l’autobus è un mezzo sicuro: tra questi, l’Università degli Studi Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara che ha prelevato per due settimane campioni dall’aria e dalle superfici maggiormente a contatto con i passeggeri su un autobus regolarmente in circolazione, non rilevando il virus in nessuno degli oltre 100 campioni analizzati. La stessa ANAV ha poi condotto un’indagine presso le proprie imprese dalla quale è emerso che su un campione di oltre 5.000 conducenti la percentuale di conducenti risultati positivi, che hanno dunque contratto il virus a prescindere da dove questo sia avvenuto (quindi non solo sull’autobus), è inferiore al 2%, contro una media nazionale che, al momento dell’indagine effettuata a gennaio 2021, si attestava su quasi il 4%.

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati

Atac assume: al via il bando per 400 autisti

Atac Roma assumerà oltre 400 persone nel corso del 2024 per rafforzare l’organico di autiste e autisti anche in vista del Giubileo. Con questa nuova campagna di assunzioni, Atac avrà assunto, nel biennio 2023-2024, oltre 1000, tra donne e uomini, per accompagnare il rilancio del servizio di tr...

Ataf Foggia, in arrivo 46 bus a metano: 34 Iveco e 12 Otokar

Quarantasei nuovi autobus surburbani alimentati a metano per Ataf Foggia, grazie ai fondi complementati al Pnrr. Entrando nello specifico dei 46 nuovi ingressi nella flotta dell’operatore di tpl della città del Gargano, si tratta di 32 mezzi Iveco Bus e 12 Otokar. E non è finita qui, visto che...

Air Campania, consegnati altri 16 mezzi a metano: sono tutti Iveco

Continua il piano di rinnovo delle flotte aziendali delle società di trasporto pubblico locale avviato dalla Regione Campania con l’obiettivo di migliorare la mobilità urbana e ridurre l’impatto ambientale. Sono stati consegnati ad AIR Campania altri 16 nuovi autobus, tutti firmati Iveco, e tutti al...

Busitalia, in arrivo a Padova 112 bus a metano, 63 elettrici e 54 autisti

175 autobus ecologici, 112 a metano, 63 elettrici e 50 autisti: Busitalia Padova rinnova la propria flotta urbana ed extraurbana, e rafforza anche l’organico di conducenti, grazie a 76 milioni di euro di finanziamenti ministeriali ed europei. A darne notizia ci ha pensato Sergio Giordani, pres...
Tpl