Il 1° gennaio, dall’integrazione tra il bacino urbano e quello metropolitano, nasceva la nuova AMT. Sei mesi dopo, viene presentato il nuovo logo dell’azienda, che racconta questa nuova realtà a servizio della città di Genova.

AMT, il processo per il cambio di logo

Il cambio di logo di AMT è stata una decisione operata in collaborazione con Comune di Genova e Città Metropolitana, per evidenziare la discontinuità nello sviluppo aziendale. Nella storia di AMT i cambi di logo hanno sempre segnato le tappe aziendali più significative: da UITE ad Azienda Municipalizzata Trasporti, quindi Azienda Mobilità e Trasporti e ora una AMT che copre tutta l’area metropolitana.

Il nuovo marchio AMT rappresenta la missione e la visione della nuova azienda. Per la composizione del nuovo logo sono stati utilizzati elementi grafici presenti nei loghi AMT Genova e ATP Esercizio ed elementi concettuali riconducibili all’esperienza delle due aziende di trasporto pubblico. Innovazione e continuità sono ricordati tanto nelle linee grafiche quanto nel payoff riportato sotto al logo. Il tratto grafico dell’acronimo AMT resta lo stesso, nel segno della continuità e della memoria storica collettiva; colore e lettering sono in linea con quelli che caratterizzavano le due precedenti aziende. Per la prima volta, però, è stato inserito nel logo un payoff che lega il nome dell’azienda alla sua strategia: “Mobilità e Innovazione”, due concetti che caratterizzeranno lo sviluppo attuale e futuro di AMT, sempre più orientata ad affrontare il tema della mobilità in modo innovativo.

Per contraddistinguere ancora meglio la complessità del servizio gestito, il nuovo concept si è sviluppato con la rappresentazione grafica, nel logo AMT, dei diversi rami aziendali, evidenziati da colori definiti che mettono in risalto le specifiche linee di prodotto: autobus, metropolitana, ascensori, funicolari e tutte le altre modalità di trasporto e servizio.

Il trasporto pubblico cambia volto

Negli elementi del nuovo logo AMT si esprime la volontà di potenziare sempre di più il sistema di trasporti pubblici. Basti pensare allo sviluppo del grande progetto 4 assi, alla transizione energetica verso una mobilità sostenibile e green, all’attenzione verso le peculiarità del territorio.

AMT è un’azienda – dichiara Matteo Campora, assessore alla Mobilità Integrata e ai Trasporti del Comune di Genova che negli ultimi anni sta investendo ingenti risorse finanziarie, strumentali e umane per potenziare la sua presenza sul territorio genovese e rendere più efficiente e capillare il servizio svolto a favore della nostra Città. Il Comune di Genova è a fianco di AMT in un lungo percorso che, una tappa alla volta, è destinato a indirizzare la nostra mobilità verso una direzione di maggiore efficienza e sostenibilità, rispondendo in modo puntuale alle esigenze dei cittadini genovesi. Una mission, portata avanti insieme alla nostra Amministrazione, ben rappresentata graficamente e sintetizzata dal nuovo marchio, perfettamente in linea con la storia dell’azienda e con il rapporto simbiotico che la lega alla Città e oggi, a tutta la Città Metropolitana di Genova“.

“Il cambio di logo rappresenta sempre una tappa importante nella vita di un’azienda. L’integrazione dei due bacini, urbano e provinciale, è per AMT una di queste tappe – sottolinea Marco Beltrami, Presidente di AMT – Il nuovo logo è stato pensato proprio per sottolineare ulteriormente e celebrare la nuova AMT, nata dalla fusione di servizio urbano e provinciale. Ci tengo a evidenziare poi due ulteriori aspetti che sono parte integrante e qualificante del progetto: i loghi per i diversi servizi e il payoff. Aiutano ad ampliare la forza comunicativa del nuovo logo, arricchendolo di precisione e prospettiva strategica. Questo nuovo logo accompagnerà AMT nella sua crescita a servizio di tutti i cittadini metropolitani”.

Sono molto soddisfatto e orgoglioso di essere qui oggi a presentare questo nuovo logo a testimonianza dell’avvenuta integrazione fra bacino urbano ed extraurbano – dichiara Claudio Garbarino, consigliere delegato ai Trasporti di Città metropolitanaQuesta Amministrazione, sotto la guida del sindaco Bucci, ha spinto fin dal suo insediamento perché quest’integrazione avvenisse. Vi sono stati ostacoli e difficoltà, ci sono ancora cose da fare ma, grazie al grande lavoro di squadra, l’obiettivo è stato raggiunto. È importate avere tracciato la strada dell’integrazione che porterà vantaggi soprattutto ai cittadini. Adesso dobbiamo percorrerla con coraggio, affrontando le sfide del futuro che dovrà essere sempre più green. Come consigliere delegato metropolitano mi farò garante dell’impegno di un’istituzione che guarda con sempre più attenzione ai territori. Sono e sarò sempre a fianco del presidente Beltrami e di un Consiglio di Amministrazione autorevole come quello attuale”.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...

A Lecce 13 nuovi autobus Euro6 per il trasporto pubblico

A Lecce sono appena stati consegnati alla sede di Sgm, pronti per entrare in servizio, i 13 nuovi autobus Euro6 diesel acquistati grazie alle risorse erogate dalla Regione Puglia con il bando Smart Go City per l’ammodernamento del parco mezzi del Trasporto pubblico locale. I nuovi autobus andranno a...
Tpl