Schermata 2016-02-15 alle 12.58.53

Anticipati al mercato durante l’edizione 2015 di Busworld, ABB ha presentato il sistema di ricarica rapida per autobus elettrici. La tecnologia, in linea con gli standard europei per i veicoli elettrici, consente una super-ricarica della durata di 4-6 minuti che può essere effettuata ai capolinea, nei depositi o nelle fermate intermedie. In questo modo vengono meno i due forti limiti all’adozione su larga scala dei bus elettrici, ovvero i tempi lunghi di ricarica e l’autonomia limitata. Grazie a questa tecnologia, composta da un pantografo rovesciato che si collega ad una piastra installata sul tetto dei mezzi, i bus possono circolare 24 ore su 24, dando un impulso alla diffusione di mezzi a zero emissioni. Il sistema di ricarica può essere facilmente adottato anche dai veicoli elettrici già in circolazione, installando sul tetto delle barre di contatto del peso di 10 kg che catturano l’energia e ricaricano il bus in pochissimi minuti. Sono già molteplici i costruttori che si sono dimostrati interessati alla tecnologia che farà il suo debutto nel 2016 in Lussemburgo, dove è atteso l’arrivo di sei autobus elettrici ibridi di Volvo.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl