Per la Toscana sarà un 2019 ibrido ed elettrico. 61 autobus a basse e zero emissioni approderanno infatti nella regione nell’arco dei prossimi dodici mesi. Le prime consegne inizieranno a gennaio ed interesseranno Firenze e i principali centri urbani della Toscana. L’investimento è reso possibile grazie al cofinanziamento regionale di nove milioni a valere sui fondi europei Por Fesr 2014-2020, destinati proprio all’abbattimento delle emissioni climalteranti provenienti da traffico veicolare nei centri urbani.

mercedes autobus elettrico citaro hybrid

12 milioni dalla regione per il rinnovo della flotta

Le risorse economiche sopra citate, sottolinea l’assessore toscano ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli «si aggiungono ai recenti tre milioni di euro provenienti invece dal bilancio regionale, per l’acquisto di 23 autobus per i servizi extraurbani, in buona parte già circolanti e la cui entrata in esercizio sarà completata entro la fine di quest’anno. Si tratta di risorse erogate dalla Regione a One Scarl per l’acquisto in cofinanziamento». Anche questo investimento ha reso possibile la sostituzione di autobus extraurbani di categoria da euro 0 a euro 3, con un ulteriore miglioramento delle prestazioni ambientali dei mezzi impiegati nella nostra regione. In poche settimane sono dunque 12 i milioni messi a disposizione dalla Regione per il rinnovo del parco autobus circolante, che permetterà a regime l’immissione in esercizio di altri 84 nuovi bus, così da proseguire nell’attuazione dell’obiettivo di rinnovare oltre 350 mezzi nei due anni del contratto ponte per i servizi di tpl stipulato dalla giunta con la società One scarl, in attesa che si definisca il contenzioso in corso sull’affidamento della gara regionale.

Il Citaro hybrid fa il nido a Prato

Intanto, a Prato sono stati sfoggiati in anteprima gli ibridi leggeri Mercedes Citaro hybrid, allestiti da Cap e destinati a Ctt. Circoleranno sulle LAM Rossa di Pisa e Livorno. Ne arriveranno sei entro la primavera. Ribattezzati (eufemisticamente) Ecobus, i Citaro hybrid sono in grado di ridurre i consumi fino all’8,5 per cento grazie alla presenza di una piccola macchina elettrica da 14 kW che assiste l’endotermico durante i picchi di sforzo, efficientando in questo modo il funzionamento del motore a combustione. Saranno tutti dotati di sistemi di telecontrollo per la gestione delle linee, contapasseggeri e telecamere interne. Tper ne ha già acquistati alcuni esemplari.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl