L’UE continua a sostenere il trasporto sicuro e sostenibile. Saranno infatti concessi 39,4 milioni di euro a 8 progetti che contribuiranno all’obiettivo di rendere il settore dei trasporti più sostenibile dal punto di vista ambientale, grazie a carburanti alternativi. I progetti sono stati selezionati nell’ambito del Connecting Europe Facility, uno strumento specificamente progettato per mescolare finanziamenti privati con il sostegno dell’UE. Quest’ultimo lotto di progetti selezionati porta il totale di questo bando a 44 per un sostegno dell’UE di quasi 300 milioni di euro.

Il finanziamento UE al trasporto sostenibile

Che si tratti dell’installazione di punti di ricarica elettrica, dello sviluppo di infrastrutture a idrogeno o GNL, o della modernizzazione della gestione del traffico ferroviario: ogni progetto è fondamentale nella transizione europea verso una rete di trasporto sostenibile e intelligente. Combinando i finanziamenti europei con quelli dei partner nazionali, lo strumento CEF – Transport – Blending Facility assicura il massimo impatto e ci avvicina al raggiungimento dei nostri obiettivi europei di Green Deal”, afferma Adina Vălean, Commissario europeo per i Trasporti.

Anche il direttore dell’Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l’ambiente (CINEA), Dirk Beckers, ha dichiarato: “Questi 8 progetti aggiuntivi portano il totale dei progetti selezionati nell’ambito di questo bando a 44, segnalando l’eccellente accettazione da parte del governo e del settore privato di implementare infrastrutture a combustibili alternativi per il trasporto su strada, nonché di rendere il sistema ferroviario più sicuro e più interoperabile. La sicurezza e le credenziali verdi sono elementi essenziali del settore dei trasporti presente e futuro e CINEA aiuta a realizzarli attraverso il suo portafoglio di progetti sostenuti dall’UE”.

I progetti

Cinque degli otto progetti selezionati implementeranno infrastrutture chiave per carburanti alternativi (elettricità, idrogeno o gas naturale liquefatto per i veicoli stradali), alimentando direttamente la priorità della Commissione europea di fornire un’UE più verde grazie al trasporto sostenibile. Essi coinvolgono:

  • L’implementazione di treni passeggeri a idrogeno nella provincia di Groningen (Paesi Bassi)
  • L’implementazione di un innovativo hub di infrastrutture a idrogeno per gli autobus pubblici e gli utenti privati nella città di Barcellona (Spagna)
  • Installazione di 160 punti di ricarica per veicoli elettrici per promuovere l’elettromobilità in Spagna e Portogallo
  • Gestione di una flotta di 46 e-bus, 2 autobus a idrogeno e 117 e-trolleybus a Lione (Francia)
  • Implementazione di una rete di 29 stazioni di gas naturale liquefatto (LNG) e una flotta di camion LNG in Portogallo, Spagna, Francia e Italia

Gli altri tre progetti si concentrano sulla seconda priorità del bando e miglioreranno l’interoperabilità del trasporto ferroviario attraverso il sostegno all’installazione del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS). L’ERTMS è un sistema armonizzato di comando e controllo dei treni che, una volta pienamente implementato in tutta l’UE, consentirà un traffico ferroviario transfrontaliero senza soluzione di continuità, garantendo la sicurezza e aumentando l’efficienza. Il sostegno CEF mantenuto permette l’implementazione del sistema su 79 veicoli (91 unità di bordo), tra cui:

  • Adattamento di 34 veicoli ferroviari (34 unità di bordo) in Germania
  • Aggiornamento di 12 veicoli ferroviari (24 unità di bordo) in Italia
  • Adeguamento di 33 veicoli ferroviari (33 unità di bordo) in Slovenia

Il CEF Transport Blending Facility

Il CEF Transport Blending Facility è un approccio innovativo per promuovere la partecipazione cospicua degli investitori del settore privato e delle istituzioni finanziarie a progetti che contribuiscono al trasporto sostenibile per l’ambiente in Europa. Il contributo finanziario dell’UE si presenta sotto forma di sovvenzioni da combinare con il finanziamento da parte dei partner attuatori (attraverso un prestito, debito, capitale o qualsiasi altra forma di sostegno rimborsabile).

Il bando sostiene due aree che porteranno all’agenda della Commissione per un sistema di trasporto pulito e digitale:

  • Diffusione dei carburanti alternativi
  • Diffusione del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS)

Viene attuato attraverso un quadro di cooperazione tra la Commissione europea, la Banca europea per gli investimenti (BEI) e le banche promozionali degli Stati membri dell’UE per sostenere le operazioni di miscelazione, cioè gli investimenti che combinano l’uso di sovvenzioni e/o strumenti finanziari del bilancio dell’UE e il finanziamento delle suddette banche (attraverso un prestito, un debito, un’azione o qualsiasi altra forma di sostegno rimborsabile).

Il bando è stato lanciato il 15 novembre 2019 ed è rimasto aperto fino al 15 febbraio 2021, con scadenze intermedie in vista dello svolgimento di valutazioni periodiche delle proposte ricevute.

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...