I rappresentanti di Solaris Bus & Coach S.A. hanno firmato questa settimana un contratto con le autorità del comune di Piła, città polacca da circa 80mila abitanti, per la fornitura di 13 autobus a basse emissioni.

Piła ha scelto di acquistare 7 autobus Solaris Urbino 12 ibridi e 6 autobus Solaris Urbino 12 con motore diesel. Le consegne devono essere completate entro la fine di ottobre 2020.

Autobus ibridi Solaris. Con Stop & Go

La driveline ibrida del Solaris Urbino 12 ibrido comprende un motore Euro VI da 151 kW e un motore elettrico di trazione. La combinazione di un piccolo motore diesel con uno elettrico consente una notevole riduzione del consumo di carburante (fino al 30% rispetto ai veicoli a motore diesel, dichiara il costruttore), ma anche la minimizzazione delle emissioni inquinanti nell’aria.

Gli autobus saranno dotati di un sistema Stop & Go che controlla il funzionamento del motore diesel: spegne il motore durante le fermate e lo riaccende quando il veicolo riparte. Gli autobus ibridi che saranno prodotti per il cliente di Piła (vale a dire l’operatore urbano Miejski Zakład Komunikacji) potranno ospitare un totale di 85 passeggeri, con 27 posti a sedere.

Autobus diesel per Miejski Zakład Komunikacji

I restanti 6 dei 13 veicoli ordinati saranno 12 autobus Solaris Urbino con motori diesel Euro VI e con una potenza di 204 kW. Questi autobus saranno adatti ad almeno 90 persone, con posti a sedere disponibili per 25 di loro.

Tra i servizi presente in entrambe le categorie di autobus venduti si segnalano in particolare l’aria condizionata, le porte USB e i corrimano con illuminazione a LED. Per garantire il comfort dei passeggeri, tutti gli autobus saranno dotati di distributori automatici di biglietti e saranno conformi al sistema di carte di trasporto urbano Piła.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl