Il battesimo è arrivato nella tre giorni milanese di NME-Next Mobility Exhibition, dove è stata una delle protagoniste principali della kermesse: KMobility, dealer italiano di Karsan, lancia la sfida al mercato dell’autobus tricolore. La strategia, i progetti e gli obiettivi della neonata realtà, forte però di solidi radici nello stivale e dell’esperienza trentennale di Tiziano Gavardini, nel ruolo di direttore operativo, nella chiacchierata che abbiamo fatto in fiera. Buona lettura!

Nata da una manciata di mesi, KMobility, importatore unico per l’Italia di Karsan, ha fatto il proprio debutto ufficiale a NME – Next Mobility Exhibition
«È stato un debutto in grande stile quello di KMobility SpA, grazie all’ottima organizzazione della conferenza stampa del primo giorno che ha radunato oltre un centinaio di persone presso lo stand Karsan; è stata l’occasione per presentare la nostra realtà, descrivere le solide fondamenta da cui è nata (i partner industriali da cui nasce l’azienda) e illustrare gli obiettivi per il futuro».

Potrebbe interessarti

Come è andata la fiera a Milano?
«Nei 3 giorni di fiera abbiamo raccolto, da parte dei clienti, numerose testimonianze di apprezzamento verso i nostri prodotti e molto interesse per nostri autobus, in particolare per il veicolo Atak a guida autonoma e l’autobus da 12 metri con alimentazione ad idrogeno. Molti clienti ci hanno comunicato l’uscita , nella seconda metà dell’anno, di diverse gare d’appalto e KMobility vorrà sicuramente giocare la sua parte tra i primi top player del settore».

Lo stand Karsan-KMobilityt a NME

Com’è nato il progetto KMobility? E qual è la road map per lo sviluppo aziendale?
«Karsan era già presente da alcuni anni sul mercato italiano, ma il progetto di KMobility nasce dalla volontà di Karsan di approcciare  in modo diverso il mercato: si è voluto creare una nuova realtà che garantisca una gestione a 360° della fornitura : non solo la vendita, ma anche un servizio post vendita più forte e specializzato e una logistica dei ricambi più veloce e puntuale, con la nascita di un nuovo grande hub in Italia per la fornitura dei ricambi» .

Karsan Autonomous e-Atak

Dalla K alla P: persone, prodotto e post-vendita sono gli “X Factor” che segnalate come punti di forza…
«Il capitale umano e le competenze rappresentano il valore primario di un’azienda; sono stato scelto per la mia lunga esperienza di quasi 30 anni nel settore autobus nel trasporto pubblico locale (i primi 12 anni nel settore autobus nel concessionario Gammabus con i marchi Menarini e poi Scania, i successivi 13 anni in MAN Italia S.p.A. come Responsabile gare e vendite autobus pubblici e  gli ultimi 4 anni, presso Industria Italiana Autobus S.p.A. come Direttore Commerciale). Ciò detto, per quanto riguarda il prodotto, riteniamo che Karsan garantisca un’alta qualità al miglior prezzo, offrendo la gamma completa dei modelli principalmente richiesti ora dal mercato, che include diverse tipologie e diverse alimentazioni».

Karsan e-Ata Hydrogen

E veniamo dunque all’after-sale…
«Il post vendita è oramai diventato il valore aggiunto necessario per garantire un elevato livello di efficienza del servizio; KMobility è in grado di offrire una rete di assistenza  capillare su tutto il territorio italiano, già adeguata, in termini di attrezzature e formazione, a far fronte alle nuove richieste delle aziende pubbliche e private per la manutenzione dei veicoli a zero emissioni di ultima generazione, e guidata da specialisti di alto livello, con una lunga esperienza consolidata nel campo della manutenzione dei veicoli, e degli autobus in particolare».

Karsan e-Jest

Nel 2023 sono stati 44 gli autobus Karsan immatricolati in Italia: quale obiettivo vi ponete per il 2024 (e oltre)?
«Il mercato italiano, fin da quando Karsan è entrata nel segmento degli elettrici nel 2022, è stato per la casa turca in costante crescita; nel 2024 il target è quello di raddoppiare l’immatricolato del 2023, e per gli anni successivi l’obiettivo è quello di implementare le nostre quote di mercato e mantenere e le prime posizioni nel segmento delle alimentazioni alternative, consolidando la leadership nel segmento dell’ elettrico e non solo: sono infatti allo studio nuovi progetti che spero possano concretizzarsi a breve e rendere Karsan uno dei protagonisti del settore del trasporto pubblico.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un Grifone in volo da cinquant’anni: Scania Italia, auguri!

Altri cinquanta di questi giorni: Scania Italia spegne cinquanta candeline. L’immatricolazione dei veicoli industriali del marchio Scania in Italia inizia nel 1974. Da allora, tecnologie, strutture e persone hanno contribuito ad affermare il Grifone, riconosciuto come simbolo di soluzioni all’avangu...

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...