Il prossimo UITP Global Public Transport Summit si avvicina a passi lunghi e ben distesi. Mancano solo sei mesi all’inizio, fissato al 4 giugno a Barcellona. Il Segretario Generale dell’UITP Mohamed Mezghani condivide con Autobus lo stato dell’arte della preparazione del summit, i temi principali e le aspettative. Ecco cosa ci ha raccontato.

Mohamed Mezghani, Segretario Generale UITP

Il nostro evento ha superato l’80% di spazi venduti entro la fine di novembre ed è sulla buona strada per riempire rapidamente gli spazi rimanenti. Al nostro Congresso parteciperanno più di 300 relatori, sono attesi più di 15.000 visitatori in tre giorni e tutte queste attività saranno coperte da più di 150 rappresentanti della stampa e dei media internazionali.

Mohamed Mezghani, Segretario Generale UITP

Mohamed, l’UITP Global Public Transport Summit si terrà a Barcellona il prossimo anno (4-7 giugno) per l’edizione 2023. Cosa può dirci della pianificazione e dell’organizzazione in questa fase?

«È un momento emozionante per UITP, questo è certo! Quando siamo nella fase di pianificazione dell’UITP Global Summit, c’è una quantità extra di energia. È un’impresa enorme portare in scena un evento di queste dimensioni e prestigio. Non c’è membro del team UITP che non dia un contributo al Summit, e il nostro team dedicato è guidato da un gruppo composto da colleghi di ogni dipartimento per coordinare al meglio gli sforzi e la pianificazione. Sono molte le idee che circolano e i piani che si stanno realizzando, e sono più che fiducioso che siamo in linea con i tempi per portarvi un’edizione da ricordare. Naturalmente stiamo anche lavorando a stretto contatto con i tre partner locali, che sono partner meravigliosi per UITP, e il loro entusiasmo nell’accogliere il settore a Barcellona è evidente. La strada per Barcellona è tracciata, e sono entusiasta e fiducioso che siamo sulla giusta direzione!»

Cosa può dirci del programma e della mostra in questa fase? Avete qualche novità da condividere su questi temi?

«Il nostro programma si sta componendo a una velocità impressionante. Sapete che ci vuole molta attenzione e considerazione per mettere insieme il programma di un Congresso per un Summit globale. UITP si occupa di tutte le modalità e di tutti i temi del trasporto pubblico e, quando si ospita un evento che riunisce l’intero settore, dobbiamo assicurarci di coprire l’intera gamma delle conversazioni in corso. Poiché il Summit ha una dimensione davvero globale, attira nomi e volti da tutto il mondo desiderosi di partecipare. L’UITP riunisce tutti gli operatori del settore, e questo è pienamente dimostrato in ogni Summit. Può sembrare un cliché dire che c’è qualcosa per tutti, ma c’è davvero un argomento, una sessione, una direzione per ogni interesse. Al momento, abbiamo sviluppato un focus basato su due pilastri: le città e le persone. E da qui stiamo definendo le tracce sotto questi pilastri che presenteranno i singoli focus e argomenti. Sappiamo che il trasporto pubblico definisce le nostre città, e sappiamo anche che dovrebbe essere sempre per le persone che ci lavorano e che lo usano. Determinando una direzione a partire da questi due pilastri, avremo un programma pertinente, informativo e, cosa fondamentale, che contribuirà a spostare l’ago della bilancia su ciò di cui il settore dovrebbe parlare in futuro. C’è molta attesa per le conversazioni che si svolgeranno durante il vertice, poiché le persone sono alla ricerca di risposte alle loro preoccupazioni, pronte a condividere le priorità e desiderose di osservare gli ultimi sviluppi. Ciò significa che è necessario creare un programma adatto al clima attuale, che copra sia i fondamenti del trasporto pubblico, sia le tendenze e le problematiche attuali, come la crisi energetica, l’impatto dell’inflazione, la carenza di personale e altro ancora. Anche per quanto riguarda l’esposizione, siamo sulla buona strada per riempire più padiglioni e offrire più spazio che mai. L’esposizione è una vetrina fenomenale di nomi e volti noti del settore e di tutto il mondo. Si possono vedere modalità in esposizione, si possono presentare nuove applicazioni. Il tutto guidato da coloro che hanno portato tutto questo al Summit. È davvero qualcosa da vedere».

Il tema dell’edizione 2023 è “La luce della città”. Può spiegare ai nostri lettori le ragioni di questo approccio?

«Da quando i Vertici Globali UITP sono stati assegnati a un tema, abbiamo sempre lavorato per renderlo una evento pertinente e interessante sulla situazione attuale del settore. Negli ultimi anni, abbiamo avvicinato l’idea di creare un tema che fosse ben collegato alla città che ci ospita. La città che ha l’onore di ospitare il più grande raduno di questo tipo sulla mobilità urbana gioca un ruolo cruciale nel Summit. Non solo il vertice è una fantastica opportunità economica per la città ospitante, ma è anche un grande beneficio culturale e sociale per l’area locale. Pertanto, quando abbiamo la fortuna di visitare un’altra grande città, riteniamo di dover collegare il settore e la città al nostro tema. Abbiamo riscontrato un incredibile successo con l’edizione 2019 a Stoccolma, dove “L’arte del trasporto pubblico” e la nostra campagna visiva hanno permesso ai nostri delegati di mostrare la bellezza delle stazioni della metropolitana e dei dintorni della città. Con il tema stabilito per la prossima edizione a Barcellona, chiederemo al settore di mostrarci un nuovo entusiasmo per il 2023 con “Bright Light of the City”. Il pensiero alla base del tema di questa edizione è radicato sia in ciò che il trasporto pubblico offre, sia nella stessa città di Barcellona. Il trasporto pubblico è una guida: permette di orientarsi in una città; per i lavoratori, per i visitatori, per tutti. Quando questo avviene in una città come Barcellona, rinomata per le sue incredibili opere d’arte, i suoi monumenti storici e la sua splendida architettura, è facile trovare la bellezza in ciò che ci circonda. E con un sistema di trasporto pubblico ben collegato, attraverso tutte le modalità, gli spostamenti sono facili e il trasporto pubblico dovrebbe sempre essere la luce di ogni città. Non vedo l’ora di scoprire personalmente nuove zone della città quando arriveremo il prossimo giugno!»

“Si può dire che il settore del trasporto pubblico sta vivendo una situazione paradossale: tutti concordano sul fatto che il trasporto pubblico è essenziale e fa parte della soluzione, ma manca il sostegno politico e finanziario”.

Mohamed Mezghani, Segretario Generale UITP

Con il prossimo Summit che si terrà a Barcellona – una città rinomata non solo per il suo impressionante trasporto pubblico, ma anche per la sua vita accessibile – siete entusiasti di vedere il mondo della mobilità urbana riunirsi lì a giugno?

«Questo ci porta perfettamente dalla conversazione sul nostro tema alla città ospitante! In UITP abbiamo la fortuna di ricevere offerte appassionate e incredibilmente dettagliate da molte città internazionali che sperano di ospitare il nostro prossimo Summit. Io stesso ho visitato e vorrei continuare a visitare tutte queste città. Se Barcellona è stata scelta per il 2023, arriveremo in una città che ha un sistema di trasporti pubblici davvero impressionante. La facilità di accesso offerta alle persone che si spostano nei dintorni è incredibile e la città ha piani impressionanti per svilupparla nei prossimi anni. Per la prossima edizione, abbiamo anche i nostri tre partner locali – FGC, TMB e Renfe – che rappresentano la regione (Catalogna), la città (Barcellona) e lo Stato (Spagna). Il trasporto pubblico è pieno di persone appassionate con un approccio energico al futuro e vedere un forte livello di impegno e interesse da parte dei partner locali, di Barcellona e non solo, ci incoraggia molto per il prossimo anno».

Incredibilmente, questo è il primo UITP Global Summit dopo l’edizione del 2019 a Stoccolma. Sono cambiate molte cose da quel raduno, questo ha influito sull’organizzazione dell’edizione di Barcellona?

«Il trasporto pubblico non è certo l’unico settore colpito dalla pandemia globale. Purtroppo, dall’inizio della Covid, il trasporto pubblico è stato duramente colpito, sia dal punto di vista dei passeggeri che delle finanze. Sono stati tempi duri. Ma in tutto questo mi ha rincuorato la forza della comunità del trasporto pubblico, che è riuscita a definire il nostro settore. Fin dall’inizio, ci siamo riuniti sapendo che la strada per superare i momenti difficili si sarebbe trovata condividendo idee, esperienze e lavorando sulle soluzioni. UITP è stata in grado di riunire il settore, dapprima in modo digitale e poi, se necessario, di persona. Ora che siamo in grado di mettere in pratica i modi migliori per ricostruire e riposizionarci per il futuro, ospitare il Global Summit ci dà l’opportunità di portare avanti una direzione adatta a quel futuro. Il trasporto pubblico è cambiato e, mentre lavoriamo al programma di Barcellona e ascoltiamo le opinioni dei nostri comitati, consigli, organi e gruppi di lavoro, sappiamo che è un momento cruciale per mettere in atto nuove idee e uscire più forti e meglio posizionati per il domani. Sarà un vertice che presenterà tutto ciò che il nostro pubblico riconosce, ma sarà anche un vertice che discuterà di ciò che gli ultimi tempi ci hanno mostrato e di come il ritorno al passato possa rendere il settore del trasporto pubblico migliore per tutti».

La pandemia globale ha avuto un impatto notevole su quasi tutti i settori in tutto il mondo, e il trasporto pubblico ha affrontato momenti incredibilmente difficili negli ultimi anni. Guardando a Barcellona, a che punto è il settore in questo momento?

«Il settore si sta ricostruendo, ma sappiamo anche che si sta ridefinendo. Credo che siamo tutti consapevoli che molti settori non torneranno allo statu quo pre-pandemia. Nel corso del 2022 il settore si trova in una posizione molto migliore rispetto a quella in cui si trovava nel 2020 e nel 2021, i passeggeri sono aumentati in molte città, ma il ritorno è ancora più lento in alcune località. L’incentivo politico non è stato così forte come avrebbe dovuto essere durante la pandemia e il trasporto pubblico ha dovuto lottare duramente per essere visto e ascoltato dai vari esecutivi. Tuttavia sono ottimista e so che chi lavora nel trasporto pubblico non smetterà mai di lottare per il suo futuro. Naturalmente bisogna anche considerare che la pandemia non è l’unico problema che il trasporto pubblico deve affrontare. Abbiamo a che fare con problemi che derivano dalla pandemia, ma anche dai conflitti in corso e dai problemi economici in tutto il mondo. Ci troviamo di fronte a carenze di personale, la crisi energetica si ripercuote sul trasporto pubblico, la crisi climatica continua ad avere un impatto sulla società, così come i continui problemi di inflazione: tutti questi aspetti hanno un impatto negativo sul funzionamento quotidiano e, sebbene il trasporto pubblico non possa risolvere questi problemi, possiamo trovare in essi le soluzioni più adatte alle nostre esigenze e preoccupazioni. Si può dire che il settore del trasporto pubblico sta vivendo una situazione paradossale: tutti concordano sul fatto che il trasporto pubblico è essenziale e fa parte della soluzione, ma manca il sostegno politico e finanziario. Spero che durante il vertice potremo affrontare questi problemi, poiché le menti migliori e più brillanti del settore saranno pronte a discutere le sfide».

È il più grande evento di questo tipo nel settore del trasporto pubblico e della mobilità urbana: quanto è importante il Summit UITP per il settore?

« Il vertice UITP risale al 1886, con la prima edizione ospitata a Berlino, un anno dopo la creazione dell’UITP. Ciò significa che viene organizzato da più di 135 anni! Fa parte della vita dei professionisti del trasporto pubblico e della mobilità, ma attira anche un numero sempre maggiore di politici. Spesso sento dire dai nostri soci che è l’evento clou del loro calendario, e per molti il fiore all’occhiello degli incontri sulla mobilità urbana. Non è un caso che accogliamo centinaia di espositori, relatori, migliaia di delegati e decine di migliaia di visitatori in tre giorni. È l’evento di riferimento per il trasporto pubblico e, grazie ai numerosi eventi sociali e di networking, oltre alle visite tecniche dettagliate, il Summit è il luogo in cui essere presenti».

Nei tre giorni saranno presenti centinaia di espositori, relatori e delegati, oltre a migliaia di visitatori. Cosa possono aspettarsi di vedere e sperimentare?

«La prima cosa che un delegato o un visitatore vedrà all’arrivo è il volto accogliente del team UITP ai banchi di registrazione! E poi vedranno una sede enorme e davvero impressionante, piena di energia e di eccitazione, colma di espositori, relatori e delegati provenienti da tutto il mondo. La nostra mostra ha superato l’80% di spazi venduti entro la fine di novembre ed è sulla buona strada per vendere rapidamente gli spazi rimanenti. Al nostro Congresso parteciperanno più di 300 relatori, sono attesi più di 15.000 visitatori nell’arco dei tre giorni e tutte queste attività saranno seguite da più di 150 rappresentanti della stampa e dei media internazionali. Una cosa che ci sta a cuore è costruire un’esperienza per i partecipanti; alcuni membri del team UITP non hanno mai vissuto un evento come l’UITP Global Summit. Sono determinato a far sì che, qualunque sia l’esperienza e per chiunque sia, si divertano e ne traggano qualcosa. Certo, siamo tutti lì per mostrare il trasporto pubblico, presentare innovazioni e trovare soluzioni, ma siamo anche lì per imparare e divertirci. Deve essere un’esperienza di cui fare tesoro, e voglio che sia così per tutti coloro che verranno a Barcellona».

Cosa spera che i presenti – delegati, visitatori e non solo – traggano da questa edizione?

«Spero che si portino via molte cose dalla loro permanenza al vertice di Barcellona. Quando ci rifletteranno e si chiederanno come è stata la loro esperienza, spero che la cosa che verrà in mente sia positiva. Il feedback che riceviamo dopo i nostri Summit è solitamente sempre estremamente positivo. E ciò che ci viene comunicato per migliorare, cerchiamo sempre di metterlo in pratica. Spero che i partecipanti siano ispirati a portare avanti i loro progetti professionali e il loro sviluppo personale. Il Summit è un’esperienza umana, un’opportunità per entrare in contatto con gli altri durante il Congresso, la Mostra e i numerosi eventi di networking. Spero che sentano il calore che si respira nel settore del trasporto pubblico. Abbiamo tutti molti amici in questa comunità e l’opportunità di riunirci per la prima volta in quattro anni non è qualcosa da dare per scontato»

Ultimissima domanda: come descriverebbe il il Global Public Transport Summit di UITP in tre parole?

«Mi hai fatto una domanda difficile per concludere! Potrei dirle 30 parole, 300 parole! Che ne dici se concludo riflettendo sul modo in cui ho presentato l’UITP Global Public Transport Summit nella nostra conversazione fino ad ora? “Un’esperienza stimolante”. Spero che molti vogliano scoprirla da soli. Ci vediamo a Barcellona!».

Articoli correlati

Asstra, Convegno Nazionale: è partito il conto alla rovescia

E’ partito il conto alla rovescia per il XVII Convegno Nazionale di ASSTRA in programma il 30 Gennaio 2023 a Roma presso il MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo). Un appuntamento affermatosi da anni come uno dei principali momenti di dibattito sui temi del trasporto pubblico locale. Per ...