10 autobus dei quali la metà sono MAN o NEOPLAN, un rapporto iniziato nel 1996 e da allora non più interrotto. A conferma del solido legame che unisce Garoldini Viaggi alla ‘casa del leone’ ecco il fiammante NEOPLAN Tourliner. Sicuramente una scelta coraggiosa di questi tempi, ma Paola Garoldini, che con la figlia Lisa Marchetti divide la proprietà della Garoldini Viaggi Sas, ha fatto i suoi conti e deciso che, anche in un momento così difficile, si deve guardare al futuro ed essere pronti quando le rotte turistiche ripartiranno.

“Sono momenti duri – conferma Paola Garoldini -, ma i nostri servizi di noleggio sono ancora richiesti per gli spostamenti di personale di alcune realtà locali e poi abbiamo aderito all’invito della Regione Veneto che ha chiesto dei bus turistici per raddoppiare le linee più affollate e ridurre quindi l’assembramento sui bus di linea”

“Sono momenti duri – conferma Paola Garoldini -, ma i nostri servizi di noleggio sono ancora richiesti per gli spostamenti di personale di alcune realtà locali e poi abbiamo aderito all’invito della Regione Veneto che ha chiesto dei bus turistici per raddoppiare le linee più affollate e ridurre quindi l’assembramento sui bus di linea. Per noi è un po’ un ritorno al passato, perché mio padre Ugo aveva iniziato proprio così, lavorando per l’azienda pubblica veneta che a quei tempi gestiva le linee passeggeri extraurbane. Un motivo in più per dedicare a lui e al 50° anniversario della nostra azienda la particolare personalizzazione del nuovo NEOPLAN Tourliner”.

Il NEOPLAN Tourliner consegnato all’inizio dell’anno alla Garoldini Viaggi è la versione da 12 m di lunghezza con configurazione a due porte e due assi. La motorizzazione è affidata al sei cilindri in linea MAN D2676 turbodiesel Euro 6d da 12,4 litri per una potenza di 470 cv (346 kW), il cambio è l’automatizzato MAN TipMatic a 12 rapporti con retarder. Per i passeggeri sono previsti 54 posti a sedere (più quelli di autista e accompagnatore) su 12 e 10 file dotati di tavolino ribaltabile, braccioli centrali e schienale regolabile con i sedili lato corridoio basculanti.

Tra le altre dotazioni: climatizzatore, frigorifero da 56 litri, toilette, monitor a led fisso nel frontale e un secondo ribaltabile nel corridoio, lettore DVD, indicatore di percorso collegato al navigatore di bordo. Sul fronte della sicurezza il veicolo dispone di sistema frenante elettronico EBS con freni a disco autoventilanti su tutti gli assi con funzione ABS/ASR integrata e assistenza alla frenata d’emergenza EBA. L’assistenza alla guida prevede l’Electronic Stability Program (ESP), il sistema di sorveglianza della carreggiata LGS e poi Adaptive Cruise Control con EfficientRoll, Alcolock system, MAN Attention Guard e telecamera per la retromarcia.

La storia della Garoldini Viaggi inizia ufficialmente nel 1969 quando Ugo Garoldini si mise in proprio gestendo i servizi di trasporto persone a una importante agenzia viaggi di Vicenza. In precedenza il fondatore aveva maturato una ventennale esperienza alla guida dei bus dell’azienda pubblica locale. La collaborazione con l’agenzia vicentina è proseguita poi fino ai primi anni Ottanta, consentendo a Ugo Garoldini di ampliare e consolidare il proprio parco veicoli e sviluppare nuovi servizi. È del 1983 la decisione di creare una propria agenzia con il supporto dei figli: Renato che si dedicava alla manutenzione dei veicoli, Franca e Paola che seguivano gli aspetti amministrativi e commerciali. Negli anni Novanta Renato apre un’officina di elettrauto per veicoli industriali e, nel 2006, c’è da registrare un ulteriore cambio gestionale con la cessione dell’attività di agenzia viaggi propriamente detta (biglietteria ecc.). L’azienda si concentrava sul solo noleggio di veicoli con conducente, attività che è tuttora il core business della Garoldini Viaggi, che nel frattempo ha visto un ulteriore evoluzione della compagine societaria, con l’ingresso in azienda della terza generazione, le due figlie di Paola Garoldini, Lisa e Alice Marchetti, la prima socia della madre e la seconda come dipendente.

Da quando abbiamo acquistato il primo NEOPLAN non abbiamo più cercato alternative con altri marchi – racconta Lisa Marchetti -. Con Luigi Cipriotti che segue più da vicino la gestione dei veicoli abbiamo sempre puntato su modelli del costruttore di Monaco, così oltre ai NEOPLAN abbiamo in flotta tre MAN Lion’s Coach.

“Da quando abbiamo acquistato il primo NEOPLAN non abbiamo più cercato alternative con altri marchi – racconta Lisa Marchetti -. Con Luigi Cipriotti che segue più da vicino la gestione dei veicoli abbiamo sempre puntato su modelli del costruttore di Monaco, così oltre ai NEOPLAN abbiamo in flotta tre MAN Lion’s Coach. Di quest’ultimo Tourliner ci ha conquistato il nuovo design, ma anche le tante migliorie tecnologiche che ne fanno un veicolo all’avanguardia pur non venendo meno alcune caratteristiche per noi fondamentali come l’affidabilità, i bassi costi di gestione, i ridotti consumi e la semplicità di gestione, soprattutto per gli autisti. Per noi quest’ultimo è un aspetto molto importante, perché i nostri viaggi si effettuano un po’ a tutti gli orari e questo impone la rotazione degli autisti che non hanno un loro veicolo dedicato. È quindi fondamentale che ogni bus sia semplice da gestire, cioè Pagina 3/3 abbia comandi facilmente individuabili e non faccia nascere dei dubbi al conducente”. “Nella scelta del nuovo Tourliner – conclude Paola Garoldini -, abbiamo avuto modo di apprezzare l’attenzione al cliente del nuovo MAN Center di Bologna, con loro abbiamo messo a punto il modello che meglio rispondeva alle nostre esigenze e poi ci hanno accompagnato nella definizione dei dettagli dell’acquisto, compresi i tempi di consegna che con il lockdown si sono un po’ dilatati. È importante saper di poter contare su un’assistenza altamente qualificata, infatti nella nostra officina noi ci limitiamo agli interventi più semplici e affidiamo alla rete assistenziale MAN la manutenzione dei nostri veicoli, in particolare sul nuovo NEOPLAN Tourliner abbiamo voluto il prolungamento della garanzia a tre anni”.

“Nella scelta del nuovo Tourliner – conclude Paola Garoldini -, abbiamo avuto modo di apprezzare l’attenzione al cliente del nuovo MAN Center di Bologna, con loro abbiamo messo a punto il modello che meglio rispondeva alle nostre esigenze e poi ci hanno accompagnato nella definizione dei dettagli dell’acquisto, compresi i tempi di consegna che con il lockdown si sono un po’ dilatati”


				

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...