Focus sulle vacanze di gruppo su gomma all’International Bus Expo, l’unico marketplace del settore autobus in Italia in corso a Rimini Fiera nelle giornate di TTG Incontri. È stata infatti presentata l’indagine su Trasporto turistico e noleggio autobus con conducente: le prospettive di sviluppo, commissionato da Anav/Confindustria al Centro di ricerca Hermes di Torino e alla Facoltà di Economia del Piemonte Orientale, e illustrato nel corso del convegno omonimo promosso dall’Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori in collaborazione con il Comitato delle Associazioni delle Imprese private esercenti il trasporto di persone su strada.
Complessivamente oggi in Italia il turismo in bus coinvolge 3.690 imprese, per un totale di 26.598 autobus turistici a cui si aggiungono anche 3.182 scuolabus. Il numero di addetti è di 24 mila persone, di cui 22 mila conducenti. In totale ogni anno gli autobus turistici italiani percorrono 1 milione  200 mila chilometri. Il fatturato annuo è di circa 2 miliardi di euro, lo 0,1% del PIL nazionale. La distribuzione territoriale delle aziende vede la maggior concentrazione al Sud e nelle Isole (41%), seguita dal Settentrione (37%) e dal Centro (22%). Le aziende sono generalmente di piccole e medie dimensioni con una media nazionale di 7,2 autobus ciascuna. La maggior concentrazione regionale di mezzi è della Campania, poi vengono la Lombardia, il Veneto e il Lazio. Uno dei talloni d’achille è rappresentato dall’anzianità dei mezzi che è in media di 11,8 anni (13,4 al Sud, 11,4 al Centro e 10,5 al Nord) una delle più elevate d’Europa. La Valle d’Aosta è la regione con il parco più recente mentre ai primi posti per vetustà si trovano rispettivamente Campania, Calabria e Puglia.
L’attività prevalente delle aziende del settore è nel turismo (67%) con una sensibile crescita dei servizi collegati alle crociere. Nel 2011 le aziende dell’autotrasporto di persone hanno segnalato in genere una domanda in calo o stabile, tranne che per la domanda turistica che ha tenuto e, nel caso di circa il 20% delle imprese, è addirittura aumentato. Più della metà della domanda si concentra nel periodo primaverile grazie alla forte incidenza del turismo scolastico nonostante la contrazione dello scorso anno (-38%).
Gli autobus evitano che la gente se ne vada in giro in auto, sono quindi una scelta di mobilità efficace, efficiente e capillare – ha commentato il presidente Anav, Nicola Biscotti –. Questa ricerca certifica che il nostro settore non è per nulla marginale come qualcuno ha sempre sostenuto. Il dato sull’anzianità dei mezzi non è affatto edificante e testimonia il malessere della categoria. Gli autobus possono dare molto al turismo e all’economia ma servono misure per lo sviluppo ben precise e sotto gli occhi di tutti: regole uniformi su tutto il territorio nazionale come indicato dal nuovo quadro comunitario; riconoscimento dello status di imprese turistiche alle aziende di noleggio autobus con conducente; abbattimento del carico fiscale dovuto all’Irap escludendo, anche parzialmente, il costo del lavoro dalla base imponibile. E soprattutto riduzione delle accise sul gasolio, che in Italia sono al secondo posto in Europa, e l’abolizione o la riduzione dei ticket bus: in base alla normativa vigente, i Comuni potrebbero sostituire con la tassa di soggiorno mentre tutti applicano entrambe tassando due volte i turisti. Non abbiamo più intenzione di tacere su queste misure, arrivando, se necessario, anche ad aprire contenziosi con i Comuni”.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...