Caldo e freddo. Solo per l’autobus. Il tutto marchiato SPHEROS. Marchio che in Italia si ‘identifica’ nella F.LLI AMADIO, azienda veneta a cui, dal novembre 2014, è affidata la distribuzione e l’assistenza dei prodotti tedeschi. SPHEROS dispone oggi di una gamma completa di sistemi di aria condizionata, riscaldamento, pompe dell’acqua, centraline per la climatizzazione e botole per tutte le tipologie di autobus: dal mini, al 18 metri urbano passando dal granturismo due piani.

Spheros_Best eBus Climate_10x15

foto facciata con nuvole

ARRIVA L’INVERNO. UN AFFARE DI SPHEROS

Ecco cos’è il preriscaldatore e perché serve manutentarlo

 Una gamma completa, tecnologica, affidabile ed ecologica. Con una manutenzione regolare eseguita da operatori specializzati i bruciatori Spheros sono la miglior scelta per un’azienda di trasporto moderna

Il Gruppo tedesco dispone di una gamma completa di preriscaldatori dedicati al settore autobus. Il modello THERMO, ancora in produzione, è considerato, a ragione, il precursore dei prodotti nati nell’ultimo periodo. Su tutti il THERMO S e il THERMO E. Un listino che si completa con i bruciatori per autobus a metano GBW ed il nuovo THERMO G, per quelli elettrici il THERMO AC/DC (scelto da Volvo per il suo nuovissimo ElectriCity) e per gli autobus ibridi il THERMO H, quest’ultimo caratterizzato da due testate: una a gasolio e una elettrica.

Queste caldaie, come è noto, hanno il compito di preriscaldare il motore e relativa componentistica meccanica collegata, e mantenere una temperatura confortevole nell’abitacolo passeggeri durante il viaggio. Sottolineiamo l’importanza dell’utilizzo del preriscaldatore anche a motore acceso, soprattutto nel caso di unità di ultima generazione in quanto il rendimento termodinamico dai motori Euro III in poi è notevolmente aumentato, con conseguente allungamento del tempo di riscaldamento del motore stesso e quindi dell’abitacolo passeggeri. Inoltre nei sistemi con climatizzatori automatici, la temperatura di confort impostata si ottiene grazie alla miscelazione dell’aria fredda del condizionatore e dell’aria calda prodotta dalle batterie di riscaldamento ad acqua, mantenute in temperatura dal preriscaldatore che si aziona automaticamente quando viene chiamato in causa. Il funzionamento è semplice ma nello stesso tempo ingegnoso. Il bruciatore, in estrema sintesi, necessita di due elementi per funzionare: elettricità e carburante. La prima viene ‘prelevata’ dalla batteria (24 V) mentre il carburante, tramite pompa dedicata, è attinto dal serbatoio centrale dell’autobus. All’interno del bruciatore è presente un motore elettrico che aziona, grazie ad un albero, una pompa e una ventola. La prima, che è di tipo meccanico, aspira il gasolio, mentre il ventilatore preleva l’aria dall’esterno (il comburente). L’ ugello nebulizza il gasolio così da predisporlo alla combustione. La fiamma che si sprigiona all’interno del condotto fiamma e dello scambiatore di calore producono tutto il caldo necessario per mantenere caldo ed efficiente il motore e l’abitacolo. Tutti questi processi vengono comandati e controllati dalla centralina: cuore elettronico del preriscaldatore.

Thermo S_10x15

IL NUOVO MODELLO THERMO S

Il modello Thermo S, presenta una potenza calorica compresa tra i 16 e i 40 chilowatt. Rispetto al precedente modello, sul piano tecnologico, è stato fatto un notevole passo in avanti. L’elettronica è di nuova generazione, i pesi e le dimensioni ridotte, i consumi sono nettamente più bassi e l’affidabilità e la facilità di manutenzione sono al top. La regolazione del CO (monossido di carbonio), per esempio, oggi è più semplice e ‘millimetrica’. Questa operazione è infatti realizzata variando il numero di giri del motore (con conseguente variazione dei giri della ventola e della pompa). Un’operazione che in precedenza era effettuata manualmente e che ora necessita, giustamente, di una diagnosi dedicata con lo strumento Spheros Thermo Test.

LA MANUTENZIONE

La F.lli Amadio, che coordina una fitta rete di SERVICE POINT in tutta Italia, ricorda agli operatori del settore che la MANUTENZIONE ORDINARIA sui bruciatori, oltre che essere una buona prassi sotto il profilo economico nella gestione dei mezzi, è soprattutto un’operazione fondamentale da eseguire per la sicurezza dei mezzi stessi.

Thermo 300_offen

 

 

 

riscaldatore al banco revisionato

Un riscaldatore correttamente manutentato e funzionante, permette: un importante risparmio economico nei consumi di carburante, una riduzione delle manutenzioni meccaniche: le partenze a motore caldo infatti evitano danni e rotture dei componenti, quali: testate, cambi, ecc.; permette di ridurre l’immissione di carburante incombusto e di conseguenza prolunga la durata del filtro antiparticolato, garantisce maggior sicurezza nella guida (vetri disappannati e caldo per l’autista), maggior comfort per i passeggeri. Non dimentichiamoci che si tratta di una caldaia alimentata a combustibile e che per la sicurezza di autisti e passeggeri va annualmente manutentata con estrema attenzione e preparazione.

riscaldatore al banco revisionato.1

Vista l’importanza che riveste la manutenzione dei bruciatori, la F.LLI AMADIO si è già attivata per istruire e documentare i propri service partner ed il personale di officina delle grandi flotte, organizzando corsi di aggiornamento e fornendo loro tutte le istruzioni e documentazioni tecniche necessarie. Nei prossimi giorni usciranno i nuovi CERTIFICATI DI REVISIONE nei quali annualmente dovrà essere registrata l’avvenuta manutenzione. Il service partner autorizzato seguirà tutte le operazione necessarie atte a garantire sempre l’efficienza e la sicurezza del riscaldatore e, ad operazione conclusa, il tutto sarà confermato da apposita timbratura registrata.

FA CALDO? CON SPHEROS NON C’E’ PROBLEMA

Impianti per tutte le taglie di autobus, ecologici e con un’affidabilità al top.

L’offerta di impianti di aria condizionata, realizzati per rispondere a qualsiasi esigenza, si divide in tre gamme in grado di coprire un range di potenza frigorifera compresa tra gli 11 kW e i 50 kW. Il sistema di funzionamento del condizionamento Spheros è di tipo tradizionale e contempla un compressore che comprime il gas a una pressione di circa 15 bar (che equivalgono a 50-60 gradi centigradi) veicolato a un condensatore (sul tetto) che ha il compito di raffreddare il gas. Il raffreddamento è affidato a un sistema di ventole assiali. Il gas, convertito allo stato liquido, fuoriesce dai condensatori e arriva, previo filtraggio, ad un evaporatore completo di valvola termostatica che lo nebulizza all’interno di una batteria creando il freddo. Tra i modelli di punta dell’offerta Spheros spicca la gamma Revo, caratterizzata dalle batterie condensanti in alluminio (più leggero, un coefficiente di scambio termico migliore) e dalle ventole di tipo brushless (senza spazzole) che riducono i costi di gestione.

REVO_400_10x15

Oltre agli autobus tradizionali, Spheros pensa a quelli di nuova generazione, come quelli elettrici (vedi Revo E che equipaggia gli Alé della Rampini). Al top anche il nuovo sistema Citysphere che punta sulla modularità e consente, a scelta, di montare diversi moduli (da 2 o 3) e si propone al mercato degli autobus urbani.

Aerosphere_Alu

L’ufficio commerciale della AMADIO SPA è a completa disposizione per supportarVi in qualsiasi richiesta: dal gruppo completo alla ricambistica, alla formazione, all’assistenza tecnica e manutentiva dei preriscaldatori e dei condizioantori. Contattate senza indugio i referenti AMADIO al Tel. 0438/488181

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggio dentro la fabbrica di batterie di Forsee Power di Poitiers, Francia

Il 2024 sarà l’anno dell’equilibrio a livello di Ebitda per Forsee Power, costruttore di moduli batteria ‘made in France’ che ha nel trasporto pubblico il suo core business (due terzi delle vendite sono ascrivibili al mondo autobus). A fine febbraio abbiamo avuto l’opportunità di visitare, in esclus...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...