Seta e Regione Emilia-Romagna insieme per mettere in servizio tre nuovi autobus Solaris Urbino Euro VI, nella versione da nove metri, in quel di Sassuolo. L’investimento da 600mila euro è stato infatti sostenuto in parti uguali dalle due parti nell’ambito della gara congiunta alla quale hanno partecipato tutte le aziende emiliano-romagnole di trasporto pubblico locale e con la quale è stata ripartita su base regionale la quota di spettanza 2015-2016 del Fondo nazionale per il rinnovo del parco mezzi.

Nove metri di efficienza

Gli Urbino da nove metri sono in grado di ospitare fino a 54 passeggeri, di cui 24 con posto a sedere e un posto attrezzato e riservato per disabili (con pedana manuale per agevolare salita e discesa). Fanno parte del lotto di 47 nuovi mezzi acquistati da Seta nell’ambito della gara regionale congiunta, che per Seta ha comportato un investimento complessivo di 10,6 milioni di euro, sostenuto per oltre il 60 per cento con risorse proprie.

Euro VI e metano per Sassuolo

La presentazione si è tenuta ieri mattina (25 maggio) alla presenza del sindaco di Sassuolo Claudio Pistoni e del presidente di Seta Vanni Bulgarelli, che ha dichiarato: «Grazie a questi nuovi autobus la flotta urbana Seta in servizio a Sassuolo raggiunge diversi importanti obiettivi: l’abbassamento dell’età media; il miglioramento dell’affidabilità e dell’efficienza d’esercizio; più comfort per gli utenti; un significativo passo in avanti dal punto di vista ambientale, dal momento che con l’arrivo di questi nuovi mezzi la flotta urbana sassolese sarà costituita da mezzi alimentati a metano e dai nuovi mezzi di categoria Euro VI». Presente anche l’assessore alla mobilità della cittadina Sonia Pistoni: «L’arrivo dei nuovi mezzi rappresenta il primo tassello di un progetto di riqualificazione del trasporto pubblico sassolese che stiamo predisponendo insieme ad Amo e al gestore per migliorare sempre di più la qualità del servizio e rendere sempre più appetibile il trasporto pubblico ai cittadini – utenti. Trasporto pubblico che può essere una valida alternativa al trasporto privato anche nella nostra città», ha affermato.

I benefici della gara congiunta

La gara regionale congiunta ha consentito un significativo giro di vite nella flotta di Seta. Tra urbani ed extraurbani,  i 47 nuovi bus (di cui 34 finanziati al 50% dalla Regione ed altri 13 totalmente a carico dell’azienda) sono così suddivisi: la flotta extraurbana vedrà l’arrivo di 19 autobus Iveco Crossway Low Entry da 12 metri (per i bacini di Modena, Reggio Emilia e Piacenza); 4 autobus Iveco Crossway Line da 10 metri (per Reggio Emilia); 7 autobus Man Lion’s Regio da 14 metri (Modena e Reggio Emilia); 6 autobus IIA Menarini City Mood da 18 metri (Reggio Emilia). Altri 8 autobus Solaris Urbino da 9 metri sono già in servizio sulla rete urbana di Piacenza.

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati