In occasione della conferenza stampa per il 2024, tenutasi questa mattina (martedì 12 marzo, ndr) online, Solaris ha mostrato in anteprima i primi rendering di quelli che saranno i futuri autobus interburbani a zero emissioni di casa. La piattaforma, come annunciato dal Ceo Javier Iriarte, sarà pronta per essere commercializzata nel 2026.

«Nel 2023, per la prima volta nella nostra storia, Solaris Bus & Coach è riuscita a raggiungere la terza posizione nel mercato degli autobus urbani in Europa, considerando tutte le trasmissioni, con una quota di mercato del 9,7%. Nel mercato degli autobus elettrici a batteria siamo cresciuti del 100%. E siamo ancora leader nel mercato degli autobus a zero emissioni in Europa, considerando sia gli autobus BEV che quelli FCEV», ha dichiarato Iriarte

L’80% del portafoglio Solaris è costituito da autobus a emissioni zero

«L’82% della produzione di Solaris 2023 è costituito da autobus a trazione alternativa. E il 95% dei 1.838 autobus che abbiamo a portafoglio sono a basse o zero emissioni, l’80% a zero emissioni», ha aggiunto il Ceo di Solaris.

Nel 2023 Solaris è tornata a una posizione di crescita e stabilità finanziaria. Il fatturato è cresciuto del 18% fino a 819 milioni di euro. L’EBIT ha raggiunto l’1% nel 2023, recuperando il -0,5% del 2022, secondo i dati presentati durante la conferenza stampa. Vale la pena notare che le entrate di Solaris rappresentano oggi il 24% delle entrate del Gruppo CAF, mentre il restante 76% proviene dalle attività ferroviarie.

I dati di mercato presentati durante la conferenza hanno sottolineato la crescente domanda di soluzioni di transito sostenibili, con proiezioni che indicano che l’87% degli autobus urbani sarà a emissioni zero entro il 2050.

Solaris si concentra sul mercato degli autobus interurbani

Iriarte ha sottolineato che «le aree chiave su cui vogliamo concentrarci nei prossimi anni sono: primo, mantenere la nostra leadership nel mercato degli autobus a zero emissioni in Europa; secondo, espandere la nostra posizione nel mercato europeo degli autobus intercity a zero emissioni; terzo, entrare nel mercato nordamericano degli autobus ZE».

in foto, a destra in piccolo, il rendering del BEV Solaris per il mercato nordamericano

«Stiamo cercando di diversificare il mercato degli autobus interurbani a emissioni zero e stiamo sviluppando una nuova piattaforma che sarà pronta per le attività commerciali nel 2026″. Si tratta di un’attività guidata da Luca Cordiviola, che lo scorso anno è entrato a far parte di Solaris nella nuovissima posizione di Interurban Platform Director.

E gli Stati Uniti rientrano nei piani di Solaris: «Stiamo lavorando da oltre un anno sul mercato nordamericano. Stiamo introducendo un nuovo prodotto negli Stati Uniti, che sarà una combinazione della nostra tecnologia adattata alle esigenze dei nostri clienti e alle normative del mercato statunitense e canadese. CAF è presente sul mercato nordamericano da anni, abbiamo già un’impronta in quel mercato».

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggio dentro la fabbrica di batterie di Forsee Power di Poitiers, Francia

Il 2024 sarà l’anno dell’equilibrio a livello di Ebitda per Forsee Power, costruttore di moduli batteria ‘made in France’ che ha nel trasporto pubblico il suo core business (due terzi delle vendite sono ascrivibili al mondo autobus). A fine febbraio abbiamo avuto l’opportunità di visitare, in esclus...