Il palcoscenico scelto per la presentazione è quello del Mobility Move di Berlino: qui Solaris ha lanciato sul mercato il “nuovo” Urbino da 12 metri elettrico – il modello best-seller di casa – con trasmissione modulare e nuove batterie fino a 600 kWh che, parola del costruttore, “garantiranno un’autonomia impressionante”.

A Busworld 2023 Solaris aveva lanciato la versione articolata dell’Urbino elettrico con batterie fino a 800 kWh.

La trasmissione modulare ha permesso a Solaris di rinunciare alla torre del motore. Cosa che, di rimbalzo, ha permesso di disporre in modo più efficace tutti i componenti sul tetto e di migliorare l’abitacolo.

La versione rinnovata dell’e-bus può ospitare fino a 41 posti a sedere, 7 in più rispetto alla versione precedente. La capacità totale di passeggeri ammonta ora a 100 persone (per batterie da 300kWh in Paesi come Italia, Francia e Spagna, con una massa complessiva di 20t).

L’Urbino 12 elettrico esposto a Berlino è stato equipaggiato con batterie di nuova generazione ad alta densità energetica. Il produttore dichiara di offrire vettori con diverse configurazioni di capacità delle batterie, tutte montate al tetto. L’autobus presentato alla fiera è dotato di sei batterie montate sul tetto, con una capacità totale di oltre 600 kWh. Questa configurazione garantisce un’autonomia di oltre 600 km, afferma Solaris.

L’elettrico polacco soddisfa tutti gli standard di sicurezza, compresi i nuovi requisiti GSR2 e di cybersecurity che entreranno in vigore nel luglio 2024 per i veicoli di nuova immatricolazione.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati