Dopo il Solaris Urbino 12 a idrogeno, presente in Italia, a Bolzano, dove l’operatore Sasa ne ha dodici in dotazione, il costruttore polacco (parte del Gruppo CAF) presenta l’ultimo arrivato, nel nome dell’H2: ecco il Solaris Urbino 18 a idrogeno.

Credit: Rüdiger Schreiber

Solaris ha deciso di lanciare il nuovo modello prima dell’IAA Transportation di Hannover e di InnoTrans di Berlino (qui, nella capitale tedesca, sarà in esposizione), con una presentazione riservata alla stampa e clienti in Polonia, a Cracovia.

Le prime consegne avverranno a partire dal secondo trimestre del 2023. Il Classe I a idrogeno ha una capienza di fino a 140 passeggeri e 350 chilometri di autonomia. Inoltre, Solaris ha indicato il peso lordo del nuovo autobus: 29.000 kg. Il peso a vuoto non è stato indicato, perché dipende da ciò che i clienti desiderano avere nel loro autobus.

Tra l’altro, aspetto non di poco conto, l’Urbino 18 a idrogeno può essere omologato come veicolo di classe II, il che rende possibile il suo impiego su tratte interurbane. E, come di consueto per gli autobus Solaris, i clienti hanno la possibilità di personalizzarlo per soddisfare le loro preferenze individuali.

«Con l’Urbino 18 metri a idrogeno rispondiamo alla crescente domanda di autobus di questo tipo sul mercato», ha dichiarato Javier Calleja, amministratore delegato di Solaris. Chiedendogli di descrivere l’autobus in 3 parole, ha risposto: «Fantastico, articolato e chiesto». Quando gli è stato chiesto dove l’Urbino 18 idrogeno sarebbe stato messo in strada per la prima volta, Calleja ha risposto: »Sulle strade dei primi acquirenti. Le prime consegne di questo nuovo autobus saranno possibili già nel secondo trimestre del 2023».

La redazione di Autobus (e Sustainable Bus) sarà presente a InnoTrans e vi racconteremo sul web e sulla riviste tutte le novità del 18 metri made in Solaris: stay tuned!

In primo piano

Articoli correlati

“Era il sogno di mio padre: sono diventa autista per lui”

Una bella storia quella di Michela Moglia, 56 anni, che dopo aver perso il proprio posto di lavoro si è rimboccata le maniche e con una bella dose di coraggio si è rimessa in gioco, iscrivendosi all’Academy per autisti di SETA. La donna ha frequentato il corso fino alla fine, superando tutti i...