DSC_1562

Secondo quanto riporta il Budapest Business Journal, la Rampini sarebbe pronta ad aprire uno stabilimento di produzione in Ungheria. Stando alle indiscrezioni dei media ungheresi, l’Amministratore Delegato dell’azienda di Passignano avrebbe infatti nei giorni scorsi svolto trattative con alcuni soci locali per dare il via alla produzione di autobus elettrici in terra ungherese. Al momento non è ancora chiara quale potrebbe essere l’ubicazione del centro produttivo, ma pare certo che i bus prodotti Oltralpe sarebbero destinati al mercato ungherese e prodotti con componenti in gran parte locali. Non si tratterebbe in ogni caso della prima mossa di Rampini in Ungheria: circa due anni fa l’azienda aveva stretto un accordo con Siemens per fornire al Budapest Transport Center BKV 21 autobus elettrici, ma l’affare sfumò a causa del mancato supporto e approvazione del governo ungherese.

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati