Quattro anni di studio, 180 milioni di chilometri di test sulle strade di Italia, Germania e Turchia, 2.500 pneumatici testati, un gruppo di lavoro di cento professionisti coinvolti nel progetto tra ricerca e sviluppo, marketing, logistica e comparto commerciale, per il più importante lancio di prodotto nella storia di Prometeon Tyre Group, l’unico produttore di pneumatici al mondo completamente focalizzato sui settori Truck e Bus, Agro, OTR. Nasce Serie 02, la nuova generazione di pneumatici premium Prometeon a marchio Pirelli, che arriverà sulle strade di tutta la regione EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa) in contemporanea nei primi giorni di aprile.

Inizialmente saranno cinque le linee di prodotto immesse sul mercato, rivolte all’utilizzo autostradale, regionale, urbano e cantiere. «La Serie 02 rappresenta lo stato dell’arte di Prometeon e una delle eccellenze della produzione attuale dell’industria di pneumatici per l’utilizzo professionale», commenta Roberto Righi, General Manager di Prometeon Tyre Group. Che, quindi, aggiunge: «Per l’azienda significa un cambio generazionale dei prodotti grazie alle nuove tecnologie Prometeon, focalizzate sulla sostenibilità degli pneumatici a cominciare dall’utilizzo delle materie prime e dal processo di produzione per arrivare al loro recupero. Un’attenzione all’ambiente che rende i nostri prodotti più sostenibili nella produzione come nell’utilizzo, perché in grado di favorire la riduzione delle emissioni di CO2 ma anche e soprattutto il risparmio di carburante, un aspetto importantissimo visti i correnti problemi del mercato».

Serie 02, l’impegno di Pirelli per l’innovazione e la sostenibilità

Innovazione e sostenibilità sono le parole chiave dello sviluppo della nuova Serie 02, che rappresenta il massimo in termini di efficienza costi per i professionisti del settore del trasporto e di rispetto dell’ambiente, grazie alle soluzioni tecnologiche messe a punto nei centri di Ricerca e Sviluppo dell’azienda all’insegna di un’innovazione sostenibile. Lo sforzo progettuale è andato nella direzione di una sempre più efficace gestione dei costi operativi, per garantire da un lato alti chilometraggi e dall’altro una “sostenibilità attiva”: maggiore vita dello pneumatico e minore resistenza al rotolamento, che si traduce in una diminuzione del consumo dello pneumatico stesso come anche del carburante. Si è lavorato molto sulle formulazioni e sui processi di lavorazione, per ottenere, a parità di standard di sicurezza, un prodotto molto bilanciato, in grado di offrire le migliori prestazioni nel massimo rispetto dei principi di sostenibilità. Infatti, rispetto alla gamma precedente, la Serie 02 migliora in tutto: resistenza al rotolamento (18% medio in meno, per le prime cinque linee di prodotto distribuite), chilometraggio (+10% medio), durabilità (+20% medio), uniformità di usura (+10% medio).

Serie 02 Prometeon Pirelli

«Nella progettazione e nella produzione ci siamo concentrati su formulazioni contenenti materiali sostenibili e su soluzioni tecnologiche e processi innovativi che ci hanno consentito di ottimizzare il peso degli pneumatici senza alcun compromesso nelle prestazioni», sottolinea Alexandre Bregantim, Chief Technical Officer di Prometeon Tyre Group. «Inoltre, tutti i prodotti possono essere oggetto di riscolpitura e sono ricostruibili, a vantaggio della vita utile dello pneumatico». Le prime cinque linee di prodotto della Serie 02 ad arrivare sul mercato sono: H02 PROFUEL, nelle misure 385/55 R 22.5 e 315/70 R 22.5; R02 PROFUEL, nelle misure 225/75 R 17.5 e 285/70 R 19.5; R02 PRO, nella misura 385/65 R 22.5; U02 URBAN-e PRO, nelle misure 275/70 R 22.5 e 315/60 R 22.5; G02 PRO, nella misura 385/65 R 22.5.Con la nuova serie debuttano nuove nomenclature: una lettera indica l’applicazione (H autostradale, R regionale, U urbano, G cantieri e percorsi misti on e on/off), una cifra la serie (02), poi viene indicato il tipo di utilizzo (Profuel ridotta resistenza al rotolamento, PRO Trailer dedicato all’equipaggiamento di rimorchi e semirimorchi, Urban-e per autobus urbani a propulsione anche elettrica e ibrida), infine l’indicazione dell’asse di montaggio (Steer, Drive o Multiaxle, quest’ultimo per assi sterzanti e semirimorchi).Su tutti gli pneumatici della Serie 02 compare il nome Prometeon, sotto forma della dicitura “Prometeon Engineered”, a testimoniare lo sforzo progettuale e produttivo di Prometeon Tyre Group e le innovazioni tecnologiche raggiunte.

Serie 02 di Prometeon

Con la Serie 02 nasce anche un prodotto nuovo per il portafoglio Prometeon: H02 PROFUEL. Destinato alle lunghe percorrenze autostradali, è il primo pneumatico a marchio Pirelli per motrici in Categoria A per consumo di carburante. Una novità importante. I prodotti della Serie 02 hanno la marcatura invernale 3PMSF, sono dotati di sensore RFID e sono omologati dai maggiori costruttori di veicoli europei.

  • Tra le innovazioni che costituiscono il cuore tecnologico della Serie 02 vanno citate PROGEA (Pro Grip Environment Approach): un approccio nuovo ai materiali, in particolare alle formulazioni; Prometeon ha scelto di utilizzare materiali sostenibili, sia ai fini della tutela della salute del personale di fabbrica sia per il ridotto impatto ambientale, senza però scendere a compromessi sulle prestazioni del prodotto in termini di sicurezza (aderenza su bagnato) ed efficienza (resistenza al rotolamento);
  • SHTB (Super High Tensile Belt): cordicelle realizzate con acciaio ad elevata resistenza che conferiscono elevata flessibilità e prevengono la propagazione della corrosione, garantendo integrità e longevità della carcassa;
  • SWITe (Spiral Wire Technology): le corde della cintura spiralata a zero gradi presentano una nuova geometria e un diametro maggiorato, a vantaggio di durabilità e resistenza;
  • COBe (Cross Over Bead): il tallone rinforzato, in abbinamento alla nuova geometria dei fili metallici, conferisce grande flessibilità, resistenza ed elevata capacità di carico;
  • LEDB (Low Energy Dissipation Belts): innovativa configurazione del pacco cinture per ottimizzare il peso dello pneumatico e contenere la dissipazione di energia, promuovendo la bassa resistenza al rotolamento e il contenimento del consumo di carburante;
  • SSRP (Step Shoulder Rib Profile): nuovo profilo di spalla del battistrada, che favorisce la corretta distribuzione della pressione a terra, quindi regolarità di usura e resa chilometrica;
  • HR4B (High Resistance 4 Belts): configurazione del pacco cinture progettata per massimizzare la flessibilità e la resistenza strutturale della carcassa a vantaggio di guidabilità, durata e ricostruibilità.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

MAN costruisce una fabbrica di batterie a Norimberga

A partire dall’inizio del 2025, MAN Truck & Bus produrrà batterie ad alta tensione per autocarri e autobus elettrici in larga scala presso il proprio stabilimento di Norimberga. Per realizzare questo progetto l’azienda investirà circa 100 milioni di euro nei prossimi cinque anni nell...