Otto Iveco Crossway e tre Newcar Smile, questi ultimi realizzati su meccanica Iveco Daily . È questa la piccola flotta che nei giorni scorsi ha fatto il nido in via Nazionale 10 presso il comune di Arnad (Aosta) sede della storica azienda V.I.T.A. I nuovi autobus verranno presto messi alla frusta sui servizi tpl nelle valli di Champoluc e di Gressoney.

Iveco Crossway

Iveco Crossway, V.I.T.A. punta sui corti

Per rispondere al meglio alle esigenze di servizio di un territorio montano la scelta dei Crossway è caduta sulla versione da 10,5 metri che consente un raggio di volta di soli 7,3 metri in virtù di un interasse di 4.825 millimetri. A muovere gli otto Classe II di casa Iveco (6 normal floor e due Low entry) pensa il sei cilindri Tector da 6,7 litri capace di erogare 320 cavalli per una coppia massima di 1.100 Newtonmetro. Per il trasferimento del moto alle ruote sale qui in cattedra la trasmissione Zf Ecolife, un cambio automatico a sei rapporti che qui si interfaccia con un rapporto al ponte di 3,08. I nuovi arrivati sostituiscono cinque Van Hool 913 e due modelli Menarini.

Iveco Crossway, V.I.T.A. rinnova

L’operazione, seguita dalla concessionaria Iveco Orecchia e realizzata tramite gara pubblica, è un passo importante per il rinnovo del parco circolante. «L’arrivo di questi nuovi autobus», ha dichiarato Jean Pierre Calliera, «porta la media della nostra flotta attorno ai 5 anni. Cioè un valore nettamente inferiore rispetto alla media nazionale. Un obiettivo che la mia azienda ha perseguito con forti investimenti».

V.I.T.A. la storia che diventa presente

La V.I.T.A. (Valdostana Impresa Trasporti Automobilistici) nasce il 21 dicembre 1961 dalla famiglia Calliera che da allora ne detiene il controllo societario e la guida strategica. Col passare degli anni V.I.T.A. cresce, sperimenta nuove realtà, come il Motor-Home per la Formula Uno ed il Moto Mondiale o il servizio di trasporto svolto per la Juventus F.C., apre nuove sedi operative che si affiancano alla centrale di Arnad e si dota di mezzi moderni ed al passo con le esigenze dei passeggeri. Nel 2017  scompare Sergio Calliera, fondatore dell’azienda che nel 2009 era stato insignito dalla Regione dell’onorificenza di «Chevalier de l’Autonomie».  Oggi al timone dell’azienda ci sono i figli Jean Pierre, Roberto e Francesca.

V.I.T.A.

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...