Un autobus, quattro scuole di Milano, e tanta, tanta (tanta!) tecnologia. Il progetto CampBus lanciato dal Corriere della sera è in pieno svolgimento. Protagonista, un autobus double-decker londinese riadattato a laboratorio mobile ed equipaggiato con le «tecnologie emergenti che trasformeranno la nostra vita nei prossimi anni», come si legge nella presentazione. Vale a dire: 5G, realtà aumentata, realtà virtuale e intelligenza artificiale. Con l’obiettivo di sottolineare l’utilità della tecnologia per il futuro della scuola, provando non solo a immaginare, ma proprio a costruire (nel bus!) una classe del futuro.

campbus corriere

La tecnologia sale sul bus

Questa, in sintesi, la mission del progetto CampBus riportata sul Corriere: «L’emergenza ci ha fatto capire l’importanza che la tecnologia può assumere per la scuola. Noi vogliamo fare un passo ancora più avanti, per raccontarvi come sarà una classe del futuro con strumenti e didattiche innovative. A disposizione degli studenti, che potranno partecipare a lezioni diverse da quelle a cui sono abituati: niente banchi né quaderni. Lo smartphone non è vietato, diventa anzi parte attiva del lavoro della classe. La teoria si fonde con la pratica, la tecnologia più che materia di studio diventa lo strumento abilitatore. Perché anche scienza, matematica, storia e inglese si possono studiare in modo diverso».

Un aula tecnologia dentro il bus. Ecco il CampBus

Quattro le scuole coinvolte: i licei Parini e Cremona, l’Iis Galilei Luxemburg, l’Itt-Lsa Molinari. Due i partner tecnologici: Lenovo e Vodafone. Pochi giorni fa il bus è approdato al liceo Parini, parcheggiato nella centralissima via Goito. Il focus è stato sul Design Thinking, vale a dire la progettazione di un’applicazione. Ha partecipato anche il direttore del quotidiano Luciano Fontana, che nell’aula allestita al piano alto del bus ha spronato i ragazzi, sul tema dell’emergenza sanitaria: «Ci siamo preoccupati e abbiamo cominciato a capire che molte delle sciocchezze che son girate negli ultimi anni e tante ricette facili e illusorie della politica non erano tanto utili. Quando si ha timore per le proprie vite e le attività economiche si comincia ad essere un po’ più razionali, si tende ad affidarsi a chi è capace di darci una soluzione, a chi ha studiato, ha competenza, ha istruzione e questo è un punto importante da sottolineare in questa mattinata in cui incontriamo degli studenti».

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...