Sicurezza mezzi pubblici. In un articolo apparso sul Corriere della sera si ribadisce che i mezzi pubblici non sono un veicolo di trasmissione del Virus. Il quotidiano di via Solferino riporta la sintesi di tre recenti studi.

Uno studio pubblicato il 24 ottobre sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Medicine dimostra «definitivamente il ruolo cruciale della mascherina nel contenere la diffusione e la gravità dell’infezione nella popolazione».

In base a questo studio, la mascherina riduce le infezioni dovute a tutti i virus respiratori, compreso il Sars-Cov-2.

Il secondo studio, pubblicato il 21 ottobre dal Center for Disease Control and Prevention (Cdc) americano, indica che il rischio più alto di contagio si ha quando si consumano i pasti. Al contrario di quanto atteso, riporta il Corriere della Sera, non è stato riportato un rischio maggiore di trasmissione del virus sui mezzi pubblici. Qui, infatti,  le persone indossano sempre la mascherina e normalmente non conversano a voce alta.

Queste analisi rafforzano le evidenze, riportate in studi precedenti, che distanziamento e uso della mascherina sono associati a una ridotta carica virale e a una malattia meno aggressiva anche in caso di infezione.

Sicurezza mezzi pubblici: il contagio avviene in famiglia

Il terzo studio ci dice infine che un altro ambiente ad alto rischio è la famiglia. E’ dove avvengono interazioni strette, ad alta intensità e di lunga durata, e dove tendenzialmente «si abbassa la guardia». Questo studio coreano, ripreso da un recente editoriale su Science (23 ottobre), dimostra infatti che una persona ha probabilità sei volte maggiore di essere contagiato da un familiare positivo per il Sars-Cov-2 piuttosto che da un individuo positivo con cui ha contatti, anche stretti, ma fuori dall’ambito familiare. In linea con queste stime, altre indagini affermano che la maggior parte dei contagi (dal 46 al 66%) avviene in famiglia.

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...