I contagi legati alla variante Omicron crescono giorno dopo giorno, l’Italia e la sua economia ne stanno pagando lo scotto. Uno dei settori più colpiti è quello del trasporto collettivo privato: sia quello su gomma a media-lunga percorrenza che quello ferroviario ad alta velocità. I clienti disdicono le prenotazioni e per i prossimi mesi la domanda è quasi nulla. 

Linea a lunga percorrenza, le aziende

Per questa ragione la scorsa settimana, 10 aziende private di trasporto bus (Autolinee CurcioAutoservizi CastielloCaputo busEttore Curcio e figli TrasportiFlixbus ItaliaGrassaniItabusMiccolisReali Tours e Simet) hanno inviato una missiva al Governo, facendo presente che i numeri attuali “scoraggiano significativamente le prenotazioni dei viaggi anche per i prossimi mesi”. Al momento non si riescono a coprire i costi, compresi quelli straordinari legati alla pandemia, che comportano sanificazione, DPI per il personale e così via. Ma c’è un punto da evidenziare: il trasporto su gomma a media-lunga percorrenza, al contrario di altre realtà del settore, paga ancora lo scotto della riduzione della capienza a bordo degli autobusUna capienza per mesi fissata al 50%, aumentata poi all’80%, senza mai garantire la possibilità di utilizzare la totalità dei posti disponibili, gravando sui bilanci delle società che hanno visto crescere le spese per fronteggiare il covid e al contempo ridurre la domanda e dunque le loro entrate.

Il settore ha sempre rispettato tutte le norme introdotte dal governo, si legge in una nota, ha prodotto il massimo sforzo per contenere i contagi e offrire viaggi in totale sicurezza, accettando anche la limitazione della capienza quando altre realtà non hanno avuto questo problema da fronteggiare, per questa ragione ora chiedono i necessari interventi a tutela del proprio futuro e di quello dei numerosi dipendenti che ne fanno parte.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Consip, da gennaio ordinati circa 1.000 autobus

Consip. È in piena attuazione il piano del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) per l’ammodernamento e la transizione ecologica del parco autobus destinato al Trasporto Pubblico Locale (TPL). Grazie al proficuo rapporto di collaborazione instaurato con Consip per offrir...